Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Ricomincio da Tre...ntanni, consegna del premio Ricomincio da Napoli


Ricomincio da Tre...ntanni, consegna del premio Ricomincio da Napoli
15/09/2011, 13:09

NAPOLI - Sarà consegnato ai componenti del cast artistico e tecnico del film “Ricomincio da tre”, il premio “Ricomincio da Napoli”, che quest’anno vive la sua prima edizione e che i direttori artistici della kermesse, Sergio Marra e Amedeo Colella, hanno deciso di assegnare sulla scorta del grande interesse che la manifestazione dedicata a Massimo Troisi sta riscontrando alla vigilia, proprio tra coloro i quali hanno accompagnato la prima fase della storia artistica del grande attore partenopeo. Tanti i personaggi che hanno annunciato la loro presenza alla serata dedicata a Massimo Troisi ed ai trentanni del film Ricomincio da tre, organizzata dall’associazione La Piccionaia, in programma venerdì 16 settembre alle ore 21 nel cortile del Maschio Angioino a Napoli. Sul palco ci saranno Lello Arena, Renato Scarpa, Fiorenza Marchegiani, Marco Messeri, Anna Pavignano, Cloris Brosca, Lina Polito, Patrizio Rispo, Carmine Faraco, Peppe Borrelli, Gaetano Daniele, Valerio Caprara, Alfredo Cozzolino, Lello Esposito, Edoardo Tartaglia, Veronica Mazza, Raffaele Della Vecchia. Rosaria De Cicco ha realizzato una videointervista a Renzo Arbore, uno degli amici storici di Troisi, che verrà proiettata nel corso della kermesse. Poi saranno citati i post più significativi lasciati sulla bacheca della pagina di Facebook aperta per l'occasione e saranno consegnati i premi "Ricomincio da Napoli" agli esponenti della Napoli che "ricomincia" da quanto di buono esiste per costruire una realtà migliore.
L’evento, promosso in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Spettacolo del Comune di Napoli retto da Antonella di Nocera, sarà presentato da Adele Pandolfi, Amedeo Colella e Giuseppe Borrone. In programma tante video-clip, montate da Maria Di Razza, e vari ospiti a sorpresa. Tra loro è prevista la presenza di vari artisti che hanno partecipato al primo e ai successivi film di Troisi. A chiudere la serata un intervento di Anna Pavignano, storica compagna e sceneggiatrice dei film di Troisi, che offrirà alcuni brani dello spettacolo Da domani mi alzo tardi, tratto dall'omonimo libro che la stessa Pavignano ha dedicato agli anni trascorsi al fianco dell'attore. Saranno anche proiettati alcuni suoi video e immagini inedite del Troisi privato.
Obiettivo della serata è quello di festeggiare l’opera d’arte cinematografica raccogliendo appassionati, cinefili, tifosi, cultori del film, e confrontandosi ridendo sulle clip, rispondendo a domande complesse, rivedendo gli attori dopo 30 anni, riparlando con i critici, con gli amici, con chi c’era. Ci sono alcune opere d’arte che lasciano tracce indelebili nel costume, nella lingua, nella memoria di un popolo intero, più di quanto potrebbe una dominazione straniera. Se oggi definiamo “Robertino” il bamboccione legato a mammina; se oggi diciamo “me faccio leggero leggero” come Lello Arena sulla bici di Massimo; se facciamo i giochini d’amore del tipo “se fossi così mi vorresti bene lo stesso?”, dobbiamo tutto ciò ad un’opera d’arte immortale del cinema napoletano e italiano: “Ricomincio da tre”. Sono passati 30 anni da quel giovedì 5 marzo 1981 che vide la prima proiezione del film al cinema Santa Lucia di Napoli. Un giovane ventisettenne della periferia napoletana arriva in città con un manipolo di amici e conquista cittadini, cinefili, critici tutti. Per rendere omaggio all’opera d’arte sono stati recuperati i materiali dell’epoca, le recensioni, i manifesti. Insieme a chi trent’anni fa c’era, per lavoro o solo per passione, vogliamo ricostruire l’atmosfera del 1981, l’emozione dell’opera prima. Indagheremo sull’accoglienza del pubblico e della critica; verranno esposti articoli, critiche, recensioni.  IL PREMIO RICOMINCIO DA NAPOLI .
Ma trenta anni fa il film “Ricomincio da tre” lanciò anche, in un momento di crisi della città provata dal post terremoto, un forte segnale di coesione sociale e di progresso culturale.
Per questo motivo uno degli scopi della serata è quello di assegnare agli ospiti che interverranno i premi "Ricomincio da Napoli", che l'associazione La Piccionaia consegnerà agli esponenti della Napoli che "ricomincia" da quanto di buono esiste per costruire una realtà migliore.
Così come il primo film di Troisi segnò nel 1981 la voglia di voltar pagina da parte della Napoli che voleva lasciarsi la tragedia del terremoto alle spalle, così oggi gli attori e tecnici del film, insieme a esponenti del giornalismo e della cultura universitaria che suggellarono il suo valore, saranno premiati, visto che con il loro quotidiano impegno hanno avvicinato trenta anni fa la nostra città alle grandi capitali d’Europa superando i disagi provocati dal terremoto allora e dall’emergenza rifiuti e dai tanti problemi della Capitale del Mezzogiorno recentemente.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©