Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Dalla Storica cantina toscana il Leonia Brut di Pomino

Ricordando il matrimonio tra Leonia degli Albizi ed Angiolo Frescobaldi nasce un grande spumante

700 anni di impegno nell’agricoltura e nella viticoltura

Ricordando il matrimonio tra Leonia degli Albizi ed Angiolo Frescobaldi nasce un grande spumante
02/12/2011, 16:12

Era il 1863 quando Leonia degli Albizi, ultima erede dell’antica famiglia, andò in sposa in Firenze ad Angiolo Frescobaldi, sancendo con il matrimonio un’alleanza duratura nei secoli fra le due dinastie. Oggi sulla scia di una storia senza fine fatta di blasoni e grandi terre e per effetto di una sperimentazione tesa a creare uno Spumante Brut i cui risultati sono subito apparsi superiori alle aspettative iniziali, nasce il Leonia Brut di Pomino. “Scaturita da un territorio come quello del Castello di Pomino- spiega l’esperto area manager della storica casa vinicola toscana, Federico Improta- tipico per il suo un microclima unico in Toscana e particolarmente favorevole a varietà come lo Chardonnay e il Pinot Nero, l’etichetta, riprende tutti gli elementi visivi dei vini di Pomino, con al centro lo stemma degli Albizi, ad eccezione della dicitura Castello di Pomino”. Appartenente a quella  categoria di Spumanti che sarà riconosciuta nella Doc Pomino solo a partire dalla vendemmia 2010, il nuovo arrivato in casa Frescobaldi è presente esclusivamente nei Wine Store della rinomata Cantina ed in mescita nei  ristoranti e wine bar della Marchesi de Frescobaldi. Oltre 700 anni di impegno nell’agricoltura e nella viticoltura, quindi, che anche con il neonato Leonia Brut confermano una tradizione davvero unica  come quella del marchio Frescobaldi e la storia di una famiglia fiorentina che ha da sempre legato il proprio nome ad alcuni dei vini più prestigiosi del mercato mondiale.

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©