Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Mostra pittorica di Maria Scognamiglio a Torre del Greco

"Riflessi inconsci"


'Riflessi inconsci'
26/04/2010, 08:04

Il 23 aprile, in una galleria appositamente allestita al Corso Vittorio Emanuele di Torre del Greco, la pittrice Maria Scognamiglio ha inaugurato la sua personale intitolata “Riflessi inconsci”.
La galleria d’arte temporanea rimarrà aperta fino al 15 maggio offrendo l’opportunità a quanti la visiteranno di respirarne la cultura, l’arte, la musicalità cromatica che le opere esposte esprimono attraverso una tridimensionalità coerente a sfumature di luce e specchio dell’anima.
L’anima è quella dell’autrice Maria Scognamiglio. Il suo inconscio emerge alla coscienza e in un turbinio monocromatico di luce lilla cattura, attraverso figure evanescenti e, a volte ben definite, la psiche dell’osservatore che, a sua volta, non può esimersi dall’estasiarsi appagando lo sguardo tra sogno e realtà.
Ogni opera ha un nome, un appellativo che sottende alla percezione artistica che l’ha realizzata: “I giardini di nessuno”, “Enea e la Sibilla negli inferi”, “Unione di flussi energetici” e “Indiana”, sono soltanto alcune denominazioni. In definitiva, l’arte di Maria Scognamiglio si ascrive, con determinazione, all’arte del bello tra semplicità e complessità, tra geometrie euclidee e non lineari che racchiudono le bellezze della Natura convertite dalle riflessioni dell’inconscio.   
Una sessione della mostra è ispirata al tema degli Indiani d’America. Un Popolo che Maria ammira profondamente per la saggezza e la profondità oltre che per gli insegnamenti che questa civiltà, improntata alla ricerca spirituale e alla purezza delle tradizioni, ha trasmesso al mondo intero.
La tecnica utilizzata è quella del gesso liquido con acrilici su tela. Le opere, in bassorilievo, sembrano riempire gli spazi di volume proprio. Una pittura che, pur non seguendo tematiche convenzionali, fonde con straordinaria capacità volumi e colori.
Tra i tanti intervenuti si annovera l’Assessore alle Politiche sociali di Torre del Greco, Olga Sessa e l’esperto d’arte lo scultore Vincenzo Borriello. Tra le altre personalità del mondo istituzionale locale, un altro straordinario pittore, il maestro Giacomo Fiorentino, e il grande jazzista Antonio Onorato.
La galleria allestita da Maria Scognamiglio, purtroppo, chiuderà il prossimo 15 maggio. Manca a Torre del Greco un sito pubblico capace di raccogliere le istanze di tanti artisti che, impossibilitati ad esprimere la loro arte nella città natia, migrano in altri luoghi capaci di valorizzarne l’estro di cui sono dotati. E’ tempo che la classe dirigente si rimbocchi le maniche ed offra alla Città fatti e non più vuote parole.     
Si possono visitare i quadri della pittrice su:
www.myspace.com/aleflev

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©

Correlati