Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

L'artista presenta il suo progetto multimediale

Riflettori sugli 'invisibili' nella mostra di Sparavigna


.

Riflettori sugli 'invisibili' nella mostra di Sparavigna
18/12/2009, 11:12

NAPOLI – Peppino di Capri che si riscalda le mani bruciando cartoni e pezzi di legno. Patrizio Rispo vestito di stracci che sbuccia un mandarino. Silvana Fucito che raccoglie buste e stracci in un carrello da supermercato. Sono solo alcune delle immagini presentate dall’artista Salvatore Sparavigna, ideatore del progetto video-fotografico “Se la mia strada fosse stata un’altra?”. Il progetto è stato presentato giovedì 17 dicembre, alle 11, nella Cattedrale detta La Pietrasanta, in piazzetta Pietrasanta, a Napoli.
L’idea di Sparavigna si sviluppa attraverso una mostra fotografica ed un calendario composto di ritratti di personaggi famosi che per l’occasione si sono calati nella scomoda parte dei senzatetto, un modo per riportare sotto i riflettori la realtà, la storia, anche e soprattutto l’identità di tante persone che vivono ai margini della società; persone che vengono trattate nella migliore delle ipotesi con indifferenza, quasi non esistessero, invisibili.
E’ stato proiettato inoltre un video sul backstage dei set fotografici con i 12 protagonisti del calendario e sono state illustrate le diverse iniziative del progetto, che proseguirà fino al prossimo carnevale. La mostra sarà aperta al pubblico da sabato 19 dicembre fino al 7 gennaio. Sarà possibile, infine, acquistare il calendario al prezzo di dieci euro; il ricavato verrà interamente utilizzato per iniziative a favore degli homeless.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©