Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

"Ferito a morte " al Teatro Stabile di Napoli

Rigillo in scena al Mercadante con "Ferito a morte"

Il racconto di una Grande Occasione Mancata

Rigillo in scena al Mercadante con 'Ferito a morte'
05/04/2012, 15:04

A partire da mercoledì 11 aprile fino a domenica 22 aprile, Mariano Rigillo sarà di scena al Mercadante con “Ferito a morte”, il romanzo che cinquant’anni or sono valse a Raffaele La Capria il premio Strega. Siamo nel 1961 e La Capria è solo agli albori della sua carriera letteraria. Ferito a morte infatti, è solo il secondo romanzo che sgorga dalla ispirata penna dell’autore partenopeo. Claudio di Palma , che firma la regia dello spettacolo, spiega le ragioni della sua rilettura : “Ri-Leggere Ferito a morte. Non rileggere per reinterpretare sofisticando, ma rileggere nel senso più proprio del termine, ovvero: leggere ancora. Farlo secondo una procedura teatrale in grado di proporre una sinossi ricreativa ed esaustiva dell'articolata testualità di La Capria. Rileggere per restituire, con codici espressivi diversi, l'emblematica veridicità dei luoghi in cui La Capria inquadra la borghesia napoletana di metà Novecento che inscena una drammaturgia della vacuità e dello spreco del tempo. Rileggere per rimisurare quel tempo dilatato di “Ferito a morte” in cui una sola “bella” giornata sembra continuamente frammentarsi e ricomporsi in anni diversi”. Ri-leggere per riassaporare il gusto di una giovinezza perduta, durante i disincantati ritorni nella città che “ti ferisce a morte o t’addormenta”. Rigillo dividerà il palcoscenico con Elena Cepollaro, Andrea De Goyzueta, Antonio Marfella, Alfonso Postiglione e con Anna Teresa Rossini. Scene di Luigi Ferrigno, costumi di Annalisa Giacci, musiche di Paolo Vivaldi.
Una produzione Teatro Stabile di Napoli, Vesuvioteatro, Benevento Città Spettacolo 2011 in collaborazione con Napoli Teatro Festival
Per info e prenotazioni
Informazioni: tel. 081.5524214 | www. teatrostabilenapoli.it
Biglietteria: tel. 081.5513396
Orario spettacoli
Martedì, mercoledì,
venerdì, sabato ore 21.00
Giovedì ore 17.30
domenica ore 18.00
Lunedì riposo

 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©