Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Ripuliamo la città: in campo i Giovani di Scelta Civica per Castellammare di Stabia


Ripuliamo la città: in campo i Giovani di Scelta Civica per Castellammare di Stabia
20/05/2013, 17:05

Quello dei manifesti elettorali selvaggi che deturpano il decoro urbano è uno spettacolo che i cittadini stabiesi, in occasione delle tornate elettorali e di quelle Amministrative in particolare, sono ormai abituati a vedere. Una situazione indecorosa che danneggia l’immagine e la vivibilità cittadina, con una città invasa dal materiale elettorale e contro la quale ieri mattina sono scesi in campo i Giovani di Scelta Civica per Castellammare di Stabia che hanno letteralmente “ripulito” le postazioni elettorali di Viale Libero D'Orsi, Viale Europa, San Marco (nei pressi della Villa Gabola) e del centro cittadino, da chili e chili di manifesti che i cosiddetti “attacchini” abbandonano per le strade, incuranti del decoro urbano e delle più elementari regole del vivere civile. "Fare politica per noi, afferma il coordinatore cittadino Salvatore Malafronte, significa essere al servizio della città in molteplici forme. L’immagine e la vivibilità di Castellammare non possono essere di certo penalizzate durante la campagna elettorale. Pensiamo che sia giusto fare propaganda, ma non la si deve fare a discapito di una città che già di suo vive enormi disagi a livello economico e sociale, condannando peraltro, i cittadini che si ambisce ad amministrare, ad uno stato di disordine e abbandono totale. Siamo fiduciosi, ha ancora detto il coordinatore Giovani SC, che in questa ultima settimana prima del voto del 26 e 27 maggio, chi si occupa delle affissioni e chi le commissiona abbia la capacità di dimostrare una maggiore maturazione e senso di civiltà. Auspichiamo, ha concluso Malafronte, che non si verifichino più episodi incresciosi come questi e che si inauguri finalmente una stagione politica che metta al centro le  idee e i progetti concreti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©