Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Sal da Vinci chiude la stagione teatrale del Supercinema di Castellammare di Stabia


Sal da Vinci chiude la stagione teatrale del Supercinema di Castellammare di Stabia
18/04/2012, 11:04

Ultimo appuntamento previsto dal calendario 2011-2012 del teatro Supercinema di Castellammare di Stabia. A chiudere la stagione di prosa, diretta dall’attore Lello Radice, sarà Sal da Vinci con lo spettacolo “Il Mercante di stelle”, previsto per sabato 21 e domenica 22, ore 21. Sul palco del Supercinema salirà, dunque, uno degli artisti più amato dal popolo partenopeo e terrà un concerto ricco non soltanto di canzoni ma di sentimenti, emozioni e ironia. L’artista amplierà il suo repertorio rielaborando anche successi internazionale e coinvolgendo il pubblico. “Il vero segreto – afferma Sal da Vinci – per una buona riuscita di uno spettacolo è quando si abbatte ogni barriera tra palcoscenico e platea. Il pubblico, infatti, diventerà coprotagonista della serata”. Insieme al cantante saliranno sul palco otto ballerini e sei musicisti. La scenografia è di Luigi Ferrigno, la coreografia e la regia di Gino Landi, l’impostazione autorale di Salvatore De Pasquale e Sal da Vinci.
“Siamo felici di chiudere questa rassegna con un’artista del calibro di Sal da Vinci – afferma Lello Radice – per il cui concerto sono previste due date. Nonostante sia uno spettacolo fuori abbonamento abbiamo quasi terminato tutti i biglietti. E’ un professionista, oltre che un’artista ben voluto dal pubblico con il quale riesce ad instaurare un feeling incredibile. Possiamo, inoltre, ritenerci pienamente soddisfatti dell’intera stagione teatrale che ha registrato quasi sempre il tutto esaurito. Il pubblico stabiese, e non solo, ha mostrato grande interesse per gli spettacoli in calendario e questo ci stimola a continuare al meglio il percorso intrapreso. Il programma per il 2012-2013 è già quasi ultimato e prevede nomi di rilevanza nazionale e una serie di novità di cui, al momento, non posso ancora dare anticipazioni”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©