Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Al teatro Verdi i giovani sono i protagonisti

Salerno, per la Boheme di Oren un casting on-line

Pienamente soddisfatto il sindaco di Salerno

Salerno, per la Boheme di Oren un casting on-line
11/03/2013, 20:53

Un cast di giovani scelto tramite selezioni su  Youtube  metterà in scena la Boheme al teatro Verdi di Salerno dal 28 al 30 dicembre 2013.

Il casting ci sarà a partire già dalla prossima settimana, anche sul profilo Facebook.

''Formeremo una commissione per valutare il talento e la bravura di tutti questi ragazzi. Sono convinto che in tanti vorranno partecipare e grazie a internet sarà più facile apprezzare e conoscere questi giovani artisti" afferma il direttore artistico della stagione lirico-sinfonica 2013 del Verdi, nonché direttore d'orchestra, Daniel Oren.

Il segretario artistico,Antonio Marzullo, aggiunge: '' Il maestro Oren formerà una commissione apposita all'interno della quale figureranno non solo cantanti ed esperti del settore, ma anche agenzie che, in un secondo momento, potranno lanciare questi nuovi professioni nel campo della musica lirica. Dopo aver visionato tutti i provini, sceglieremo, tra ottobre e novembre prossimo, i migliori che dovranno venire a Salerno per la selezione finale. Il cast al completo sarà scelto in questo modo, compresi i protagonisti. Finora fa parte del cast solo un giovane napoletano, Vincenzo Costanzo, che il maestro Oren ha scelto già per la sua bravura e per la sua voce importante. A parte lui, però, nel corso delle selezioni verrà formato un doppio cast e quindi verrà scritturato anche un secondo tenore dal momento che le repliche dell’opera saranno tre".

Forte l'orgoglio del sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, che dichiara: ''Sono molto che quest'anno siamo riusciti non solo a far valere ancora una volta la qualità artistica del nostro cartellone, ma anche a dare spazio a giovani talenti grazie a questa selezione che passa attraverso nuovi canali''.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©