Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano. Presentazione del libro di Giuliana Covella


San Giorgio a Cremano. Presentazione del libro di Giuliana Covella
15/06/2012, 13:06

Domenica 17 Giugno alle ore 11:00, si terrà presso Villa Vannucchi (Corso Roma 43, San Giorgio a Cremano), la presentazione del testo inchiesta di Giuliana Covella “ L’uomo nero ha gli occhi azzurri. La storia di Nunzia e Barbara”. L’evento chiuderà il ciclo di incontri organizzati dall’Associazione Culturale Arenadiana per la promozione dei giovani autori del Sud.

Il libro sarà presentato dall’autrice Giuliana Covella, dal presidente dell’Associazione Arenadiana Luigi Montesanto e dall’attore Ferdinando Maddaloni che leggerà alcuni brani tratti dal testo.





LA STORIA - Il 3 luglio 1983 vengono rinvenuti a Ponticelli, quartiere di Napoli, i due corpi senza vita di Nunzia Munizzi e Barbara Sellini, di 10 e 7 anni. I cadaveri sono semi carbonizzati: le due amichette sono state violentate, pugnalate a morte e bruciate. L’Italia intera è scossa da quel duplice omicidio. In un primo momento gli inquirenti concentrano i sospetti su qualche maniaco del luogo. Ma subito dopo le indagini subiscono una battuta d’arresto e i “mostri” vengono individuati in tre ventenni incensurati. Senza alcuna prova che ne dimostri la colpevolezza, ma solo in base alle accuse di un supertestimone, cui il terzetto avrebbe confessato l’omicidio. Ma c’è di più: la testimonianza della terza bambina scampata al massacro, Silvana Sasso, oggi 38enne, che ha da sempre indicato in tal “Gino Tarzan tutte lentiggini” l’uomo sulla cui auto, Nunzia e Barbara furono viste salire. Dopo numerosi tentativi di revisione del processo, a distanza di ventotto anni l’ex giudice Ferdinando Imposimato ha messo su un pool di avvocati con cui presenterà una nuova istanza per chiedere la riapertura del caso, come invocano i familiari dei tre condannati. Probabilmente un “mostro” si aggira ancora – impunito – tra le strade di Ponticelli.



L’Associazione Arenadiana nasce nel 2011 per impulso di un gruppo di giovani artisti ed amanti dell’arte per la realizzazione di uno spazio (non solo fisico) inteso come luogo di aggregazione nel nome di interessi culturali. Scambi di sapere e di conoscenze e promozione di giovani artisti animano le conferenze, i convegni e gli incontri che Arenadiana organizza nell’ambito dell’originale progetto “Book Music & Breakfast – meeting di scambio libri e ascolto musica”



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©