Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Problemi tecnici con il voto. Eliminazioni rinviate stasera

Sanremo: Morandi raggiunge i 14 milioni di telespettatori

Belen ed Elisabetta Canalis sostituiscono Ivana Mrazova

Sanremo: Morandi raggiunge i 14 milioni di telespettatori
15/02/2012, 11:02

SANREMO - Un Festival all’insegna del risparmio quello di quest’anno. L’ormai celebre “Stiamo uniti” del Sanremo 2011 è stata sostituita da “Stiamo tecnici”, pronunciata all’unisono dai due conduttori Gianni Morandi e Rocco Papaleo, entrato in scena con un impermeabile stile Mario Monti. Sanremo rinuncia ai superospiti Julia Roberts, Madonna e Stevie Wonder, anche se lascia molto spazio ad Adriano Celentano con uno show durato quasi un’ora. Il sipario dell’Ariston si alza in anticipo, alle 20:40 subito dopo il Tg1, facendo saltare le trasmissioni ‘Qui Radio Londra’ di Giuliano Ferrara e ‘I soliti ignoti’. Il Festival inizia con un simbolico passaggio di testimone di Luca e Paolo a Gianni Morandi. I due comici intrattengono il pubblico per una ventina di minuti con la satira politica, la canzone ironica già proposta l’anno scorso ‘Ti sputtanerò’, dopodiché imitano Celentano e le sue classiche pause teatrali.
La prima artista a salire sul palco dell’Ariston è Dolcenera con una canzone, ‘Ci vediamo a casa’, che sfiora il tema della precarietà. Dopo il testo di Samuele Bersani ‘Un pallone’ arrivano i primi problemi tecnici di casa Sanremo. Si blocca il sistema di votazione della giuria demoscopica, che ha costretto a fine serata Gianni Morandi ad annunciare uno slittamento delle prime due eliminazioni alla seconda puntata del Festival di stasera. Solo qualche problema col microfono disturba la conduzione di Gianni Morandi che insieme a Rocco Papaleo presenta gli altri cantanti in gara. Noemi con i capelli rosso fuoco canta ‘Sono solo parole’, mentre Francesco Renga intona un pezzo molto pacato ‘La tua bellezza’. È la volta poi di una canzone melodica di Chiara Civello, ‘Al posto del mondo’ e una più ritmata di Irene Fornaciari, ‘Il mio grande mistero’. Al posto della settima canzone irrompe in scena Adriano Celentano che mantiene alto il rendimento dell’Auditel. Sono stati, infatti, 14 milioni 378 mila i telespettatori incollati al teleschermo durante tutta la prima parte della serata. Uno share del 48,51% che raggiunge il 55,24% nella seconda parte della serata, pari a 8 milioni 451 mila spettatori. La prima serata di Sanremo 2012 ha battuto di poco la prima puntata della scorsa edizione. L’anno scorso ci furono in media 11 milioni 992 mila spettatori e uno share del 46,39%, mentre ieri tutta la serata è stata seguita da 12 milioni 762 mila spettatori con il 49,59% di share.
Il calo fisiologico del numero degli spettatori sarà dovuto anche alla fine dello show di Celentano, ma non è dispiaciuta al pubblico la presenza di Belen ed Elisabetta Canalis, ritornate dopo l’edizione del 2011 per sostituire momentaneamente la modella Ivana Mrazova, colpita da un forte torcicollo. Dopo la performance di Celentano, arriva sul palco dell’Ariston Emma Marrone con un altro brano improntato sui temi sociali, ‘Non è l’inferno’, i piemontesi Marlene Kuntz con un pezzo rock ‘Canzone per un figlio’. Dopo di loro, Eugenio Finardi propone una canzone intimistica ‘E tu lo chiami Dio’, mentre Gigi D’Alessio e Loredana Bertè cantano ‘Respirare’. Chiudono le canzoni di Nina Zilli con ‘Per sempre’, Pierdavide Carone e Lucio Dalla con ‘Nanì’, Arisa con ‘La notte’ e i Matia Bazar con ‘Sei tu’.

AGGIORNAMENTO ORE 11:00
SANREMO - Poche ore prima dell'inizio della sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo, la Guardia di Finanza ha effettuato una serie di controlli in materia fiscale. Un paio di pattuglie, una trentina di finanzieri hanno verificato il regolare rilascio di scontrini e ricevute da parte dei titolari di esercizi pubblici, soprattutto bar e ristoranti, che in questi giorni stanno registrando un massiccio afflusso di clienti.
La zona finita sotto la lente d'ingrandimento delle Fiamme Gialle è stata quella compresa tra la centralissima via Matteotti, il teatro Ariston e il Casinò municipale. I controlli continueranno anche nelle prossime ore. Inizialmente, in città molti pensavano a un blitz simile a quelli di Cortina e Milano. I finanzieri hanno spiegato che si tratta di semplice routine. Sono stati già compiuti altri controlli periodici per contrastare il fenomeno dell'evasione fiscale,  in occasione di precedenti edizioni del Festival.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©