Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Ma a Napoli è comunque festa

Sanremo, niente da fare per Nino e Maria


Sanremo, niente da fare per Nino e Maria
19/02/2010, 13:02


SANREMO - Non c'è stato niente da fare: Nino D'Angelo e Maria Nazionale sono tornati a casa da Sanremo col loro brano “Jammo jà”. Fino all'ultimo, ieri sera, si era sperato in un ripescaggio, poi la brutta notizia. Ce l'hanno fatta, invece, Valerio Scanu e il Principe Emanuele Filiberto di Savoia con Pupo, il cui brano, pochi giorni fa, era stato scherzosamente definito da D'Angelo «'na chiavica». Se l'inno sudista del duo D'Angelo-Nazionale (con un omaggio nel ritornello alla tarantella del Gargano) è stato eliminato, grande soddisfazione riceve invece l'esordiente Tony Maiello di Castellammare di Stabia, ex talento di «X Factor», che vola in finale nella sezione giovani col brano «Il linguaggio della resa» seppur non convincendo a pieno i critici: «voce potente, ma brano troppo leggero». Quanto alla richiesta, ventilata da qualcuno, di tradurre la canzone di D'Angelo, il cantante partenopeo ha risposto: “Non possiamo andare a cantare in dialetto e poi chiedere i sottotitoli. Forse sono stato un po' penalizzato dal quel commento della Clerici sulla claque in sala. Un commento in buona fede, che magari mi può aver fatto sembrare un po' antipatico”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©