Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Introduzione della puntata al fulmicotone

Santoro all'attacco contro partiti, Rai, giornali



Santoro all'attacco contro partiti, Rai, giornali
20/05/2010, 21:05

ROMA - Un Santoro deciso e determinato ha iniziato la puntata di oggi di Annozero. La sua introduzione, che normalmente dura pochi minuti, questa volta è durata più di un quarto d'ora. Ed è stata una rivendicazione della sua posizione, sia a livello contrattuale che nei confronti del potere politico. Ha ricordato il fatto che lui è stato cacciato dalla Rai dopo il famoso editto bulgaro del 2002; il fatto di essere stato riammesso solo grazie ad un certo numero di sentenze, contro cui la Rai, eterodiretta dal Presidente del Consiglio, ha sempre fatto ricorso (ora è in Cassazione, per un nuovo ricorso della Rai). E qui ha puntato l'indice anche sul Pd, sottolineando come non isa mai stato difeso dalla sinistra. Come non è mai stato difeso dai colleghi giornalisti, che non hanno mai stigmatizzato i continui attacchi a cui Santoro è stato sottoposto. In particolare ha attaccato Curzio Maltese, che oggi su Repubblica l'aveva descritto come "stanco e provato".
Il clou l'ha raggiunto quando Santoro ha descritto la sua situazione, dicendo: "Mi sono sentito come Custer, accerchiato dagli indiani, con i nostri che quando arrivano sparano prima a me".
Poi ha parlato della sua buonuscita, più o meno equivalente a quello che deve avere fino alla conclusione del suo contratto con la Rai e pari a poco più di 2 milioni; cifra ben lontana da quelle uscite sui giornali (dai 10 milioni di Aldo Grasso sul Corriere della Sera ai 17 di Libero). in questi giorni. Ed anche qua non si è lasciato sfuggire la frecciatina diretta all'Italia dei Valori, definita come "esperta in valori immobiliari", per le chiacchiere che si sono fatte sulle proprietà immobiliari di Di Pietro e del partito.
Per poi concludere dicendo di non avere ancora firmato l'accordo con la Rai, concludendo: "L'accordo è ancora lì. Se volete che resti chiedetemelo. Ma Annozero deve essere considerato la perla del servizio pubblico. Se mi considerate un estraneo, allora arrivederci e grazie.Trenta anni di battaglie non possono essere cancellati e il mio pubblico capirà".

Qui il link per vedere la seconda parte del suo intervento; la prima parte è il video sottostante.

http://www.youtube.com/watch?v=Bjl9_664R2s

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©