Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Incrociano le braccia Cgil e Uil

Scala, uno sciopero fa saltare "Fidelio"


Scala, uno sciopero fa saltare 'Fidelio'
02/09/2011, 21:09

MILANO – Salterà l'unica rappresentazione del "Fidelio" di Beethoven, in programma il prossimo nove settembre alla Scala di Milano.

Cgil e Uil hanno, infatti, indetto uno sciopero per la modifica del contratto per il personale di sala e del personale serale. La rappresentazione, sarebbe andata in scena sotto forma di concerto diretto Franz Welser-Moest e rientra nel progetto di scambio con la Staats Oper di Vienna.

“Siamo sconcertati - scrivono i due sindacati in una lettera inviata anche al presidente della Fondazione, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia - da un sistema di relazioni sindacali dove, da un lato, durante la trattativa l'azienda afferma che non vi sarà nessuna modifica per quel che riguarda il tipo di contratto d'applicare al personale di sala, dall'altro si è modificato il tipo di contratto da far sottoscrivere al personale di sala e ai serali e in più si richiede ai lavoratori una dichiarazione di una violazione dello statuto".

Per i sindacati, insomma, da mesi l’azienda si dimostra inaffidabile. La loro richiesta è quella di ritirare le modifiche dei contratti e di non andare avanti con la richiesta ai lavoratori di una dichiarazione sulle condizioni di lavoro esterne. Già lunedì, è previsto un incontro fra i sindacati e i vertici del teatro.

Intanto per spiegare le loro ragioni, i dipendenti del teatro hanno organizzato un volantinaggio per domenica in occasione dell'apertura del Festival Mito con un concerto della Filarmonica della Scala diretta da Daniel Barenboim.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©