Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Scambio di auguri con i Maestri di Festa della Festa dei Gigli


Scambio di auguri con i Maestri di Festa  della Festa dei Gigli
23/12/2009, 11:12

“Il giglio da sempre è testimonianza di fede e amore, amatelo e proteggetelo come uno di voi”.
Con queste parole il Vescovo di Nola, Sua. Ecc. Mons. Beniamino Depalma ha accolto i Maestri di Festa dell’edizione 2010 della Festa dei Gigli, nel Salone dei Medaglioni del Palazzo Vescovile, per il rituale scambio di auguri in vista delle festività natalizie. Presente anche il sindaco di Nola, Geremia Biancardi e Don Enrico Tuccillo, parroco della chiesa del Carmine.
“Nola è una città bellissima, di storia, cultura e d’arte – ha continuato Depalma – possediamo una delle feste più prestigiose a livello nazionale, e non solo. Una kermesse che sta crescendo anno dopo anno e che, a piccoli passi, si sta riappropriando delle sue origini, privilegiando l’aspetto religioso su quello folkloristico. Vedere nella passata edizione gli otto gigli e la barca tutti posizionati alle 12:55 in piazza Duomo per la consueta benedizione ne è una chiara d evidente testimonianza. L’invito che oggi rivolgo a voi, nell’augurarvi Buon Natale, è di portare avanti questo percorso intrapreso. Privilegiamo iniziative utili a migliorare la vivibilità cittadina, adottiamo ciascuno una piazza e prendiamoci cura del nostro patrimonio. Amiamo la nostra amata Festa, rispettiamola nella sua religiosità, attualizziamola nel suo tempo”.
“Concordo in pieno con quanto dichiarato da Padre Beniamino – ha replicato il sindaco di Nola, Geremia Biancardi – proteggere la nostra amata Festa rientra negli obiettivi principali dell’amministrazione. Non a caso abbiamo istituito un comitato tecnico – giuridico con personalità di alto profilo professionale del mondo del diritto, che, attraverso uno statuto, disciplinasse un rigoroso iter cui nessuno potrà  sottrarsi. Stiamo inoltre lavorando per trasformare l’attuale Ente Festa in Fondazione e ci avviamo al riconoscimento Unesco. Piccoli passi in avanti per la promozione e valorizzazione di una delle Feste più belle a livello mondiale. A questo punto è necessaria la collaborazione di tutti. Meno competizione e più spettacolo, anche durante la rituale processione pomeridiana degli obelischi. Rispetto delle regole e del Santo prima di tutto”.
     

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©