Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Dati in crescita rispetto al 2008

Scavi di Pompei: oltre 30 mila visitatori durante le feste


.

Scavi di Pompei: oltre 30 mila visitatori durante le feste
02/01/2010, 12:01

POMPEI – Boom di visitatori tra Natale e Capodanno: gli scavi di Pompei restano tra le mete privilegiate dei turisti in Campania. Nonostante le avverse condizioni meteorologiche dei giorni festivi, si sono registrate oltre 30mila presenze. Tanti quelli che hanno scelto di trascorrere le festività all’insegna della cultura. Dati in crescita grazie anche alle aperture straordinarie del 25 dicembre e del primo gennaio nell’ottica di valorizzare il sito archeologico e renderlo più fruibile alla collettività. Tante le iniziative messe in campo dalla Sovrintendenza e dal commissariato straordinario per le festività natalizie. Ieri per i concerti di musica classica che si sono tenuti agli scavi di Pompei sono stati staccati oltre diecimila biglietti. I dati complessivi del mese di dicembre vedono un aumento dei visitatori rispetto allo stesso mese dello scorso anno: dai 54mila del 2008 ai 61mila del 2009. Ad Ercolano, invece, sono stati oltre 2mila i visitatori per il periodo festivo. Ben 10 i concerti che si sono tenuti negli scavi di Pompei ed Ercolano grazie all’intesa raggiunta tra la Sovrintendenza archeologica e i sindacati per far vivere il patrimonio archeologico ai turisti anche nei giorni festivi. L’iniziativa finalizzata a favorire l’accoglienza dei visitatori non comporta alcuna maggiorazione al prezzo del biglietto.  Le musiche di Piazzolla nella Casa dei Cervi, Mozart a Villa dei Misteri, e ancora le note di Paisiello, Paganini, Vivaldi, Beethoven, Morricone, tra le mura delle domus più famose: dieci appuntamenti musicali per accrescere la magia degli scavi vesuviani. Tra le iniziative che hanno raccolto i consensi dei visitatori anche la mostra di frammenti pittorici risalenti al primo secolo Avanti Cristo a villa di Poppea. Non sono mancate visite guidate alle Ville di Arianna e S.Marco (Stabia); al Museo archeologico di Boscoreale i visitatori hanno ammirato anche la statua marmorea di Demetra rinvenuta negli scavi della Villa dei Papiri di Ercolano.
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©