Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Consigliere Buonajuto, gettone di presenza per gli studenti

Scuola e Legalità, al via la seconda edizione


Scuola e Legalità, al via la seconda edizione
06/03/2012, 19:03

ERCOLANO - Cresce l’attesa per la seconda edizione di “Scuola e Legalità”, manifestazione organizzata dall’associazione «Antonio e Ciro Buonajuto». Sei le borse di studio che verranno consegnate agli allievi più meritevoli dell’istituto Tilgher di Ercolano e del nautico Colombo di Torre del Greco, in memoria dell’ex sindaco del comune vesuviano ucciso dalla camorra nel 1990 e di Gaspare Gallo, giovane avvocato morto durante un’udienza nel 2009. «Devolverò il mio gettone di presenza in caso di elezione» aveva detto Ciro Buonajuto, attuale consigliere comunale eletto tra le fila del Partito Democratico con oltre ottocento voti. Ha mantenuto la promessa. «Chi riceverà la borsa di studio, che porta il nome di mio zio Antonio – continua il consigliere - potrà iscriversi all’università e continuare il percorso di formazione. Investire in cultura, soprattutto in tempo di crisi, è un segnale positivo per il territorio. Il gettone di presenza non deve essere considerato un’integrazione del proprio reddito, chi decide di impegnarsi in politica deve farlo perché spinto da passione, rigore morale e vivacità intellettuale non perché ha bisogno di una poltrona. Spero che altri politici, a tutti i livelli, possano seguire il mio gesto». L’evento si terrà il venerdì 16 marzo, alle ore 10 presso l’auditorium dell’istituto Tilgher di Ercolano. Alla manifestazione parteciperanno Antonio Buonajuto, presidente della Corte d’Appello di Napoli, Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone, magistrato assassinato dalla mafia il 23 maggio del 1992 e Tonino Palmese, referente di Libera. Saranno inoltre presenti Enzo Cuomo, sindaco di Portici, Vincenzo Strazzullo, primo cittadino di Ercolano e l’assessore regionale alla Cultura, Caterina Miraglia. È prevista, infine, la partecipazione straordinaria di Francesco Profumo, ministro dell’Istruzione.
 

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©