Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Secondo compleanno per la scuderia Ferrari club Costa del Vesuvio


Secondo compleanno per la scuderia Ferrari club Costa del Vesuvio
23/03/2009, 12:03

La scuderia Ferrari club Costa del Vesuvio spegne due candeline, e per festeggiare ha organizzato una parata di vetture di Maranello, che dal punto di concentrazione della città di Portici, ha raggiunto la confinante Ercolano, per poi stabilirsi nella Villa Signorini. La splendida villa del miglio d’oro è la sede del club presieduto dall’ing. Corrado Sorbo, e meraviglia ed ammirazione ha accompagnato il passaggio delle auto del cavallino rampante: “ L’associazione nasce nel 2006 – racconta Sorbo – quando io e l’amico Luigi Ciccarelli abbiamo voluto creare un punto d’incontro ai ferraristi, per infondere i valori più alti dello sport nelle nuove generazioni. Godiamo dell’appoggio diretto della casa madre, e tra i nostri cento soci oltre ai proprietari di Ferrari, ci sono soprattutto appassionati del mito italiano più famoso al mondo. L’entusiasmo è così grande, che ogni volta che c’è in programma una gara di Formula 1 ci riuniamo per guardarla per non far mancare il nostro appoggio ai piloti alla guida di una rossa. In collaborazione con le scuole medie delle città di Portici ed Ercolano, abbiamo organizzato un concorso per gli studenti, chiedendo loro cosa rappresenta la Ferrari. A festeggiare con noi oggi ci sono gli allievi della scuola militare Nunziatella di Napoli, e quelli dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli. A farci compagnia c’è anche il Classic Car Club Napoli, il più importante d’Italia tra quelli che si occupano di vetture d’epoca. Possiamo dirci soddisfatti dei risultati raggiunti, ma guardiamo al futuro con spirito d’intraprendenza, perché abbiamo voglia di percorrere ancora molta strada. Il prossimo impegno ufficiale sarà il raduno organizzato all’interno della seconda edizione del Fashion Motor Event del 24 maggio, ed invito i simpatizzanti ad essere presenti per vivere insieme una giornata di festa”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©