Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Assegnate due borse di studio

Serata finale per la terza edizione del Premio Elia Rosa


Serata finale per la terza edizione del Premio Elia Rosa
18/05/2009, 17:05

Un folto pubblico nel Villaggio del Fanciullo di Torre Annunziata  ha assistito alla terza edizione del “Premio Elia Rosa”, la storicizzata manifestazione dedicata all’indimenticabile sassofonista torrese che per quest'anno ha coinvolto dieci scuole campane selezionate da una giuria tecnica di qualità. Animata dalla direzione artistica di Gianni Conte e Pasquale De Angelis, affiancati da Michele Montefusco e Gaetano Salvatore, la competizione ha dato vita ad un vero e proprio spettacolo che nell’ entusiasmare i numerosi spettatori ha visto i partecipanti sfidarsi a suon di note per aggiudicarsi l’ambito trofeo. Con un giuria presieduta da Enzo Gragnaniello e completata da  Joe Amoruso, Marco Zurzolo, Massimo Volpe, Nico dei Gabbiani, Peppe Sannino, Lorenzo Hengeller, Brunella Selo, Lino Pariota, Michela Montalto e dal giornalista  Nino Marchesano che, all’occorrenza, ha trasformato i suoi  componenti in ospiti d’eccezione capaci di regalare ai presenti delle pregevoli performance artistiche , la serata è pure coincisa con la presentazione del brano “Sti juorne”, canzone musicata da Elia Rosa con il testo di Sergio Cirillo dedicata alla città del musicista scomparso, eseguita al pianoforte da Gianni Conte e che sarà, dal prossimo anno, la sigla del Premio. Ancora, per la terza edizione del concorso artistico, l’ esibizione, fuori programma, dei ragazzi della “Scuola di musica e canto Elia Rosa”, con un brano strumentale eseguito da una "band"  di giovanissimi diretti dal Maestro Pasquale de Angelis, e con un "medley" affidato alle voci degli allievi Rino Ascione, Nicola Romanucci e Marco de Angelis guidati dai maestri Gianni Conte e Rossana Camera. Per i primi due classificati l’organizzazione ha messo a disposizione due borse di studio di  500 euro che puntualmente sono state assegnate all’Istituto "Anardi" di Scafati che ha vinto con uno straordinario "Ensemble di sax" diretto dal Maestro Annibale Discepolo, ed all’Istituto "De Chirico" di Torre Annunziata che si è aggiudicato anche la preziosa statuetta “Elia Rosa” grazie ai dirompenti percussionisti "Afro Dum". “E’ bellissimo vedere l'entusiasmo e la grinta di questi ragazzi- ha detto Enzo Gragnaniello- tutto ciò ci fa capire quanto sia importante la musica e tutto quello che sa donare ad ognuno di noi”. Condotta da  Gianni Conte affiancato per l’occasione da  Cinzia Profita, la serata ha visto tutti contenti tanto che il presidente della manifestazione Domenico Rosa ed il sindaco della cittadina vesuviana Giosuè Starita hanno parlato di una speranza comune tesa a vedere il Premio Elia Rosa crescere di anno in anno. Anche Tony Esposito, infine, con un videomessaggio, ha offerto il suo contributo all’iniziativa ricordando tra l’altro, il suo grande amico Elia.

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©