Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Lo sfogo della conduttrice di "Parla con me"

Serena Dandini: in Rai c'è un clima intimidatorio, difficile lavorare


Serena Dandini: in Rai c'è un clima intimidatorio, difficile lavorare
22/09/2010, 18:09

ROMA - Nella televisione pubblica si respirerebbe "un clima intimidatorio che non giova alla creatività" . Una situazione che, attraverso un'intervista rilasciata all'Espresso, Serena Dandini descrive come "pesante". Lo sfogo della nota conduttrice sarà in edicola domani, giovedì 23 settembre; ad un giorno dall'inizio della nuova stagioe del suo "Parla con me". Lo spot della trasmissione, come avevamo già riscontrato ieri, è ancora "bloccato" e, la stessa limbica sorte, tocca anche al contratto della Dandini. Nonostante la partenza del programma sia oramai prossima, il testo resta ancora, senza  firma, sul tavolo del consiglio d'amministrazione di Viale Mazzini.
"Diciamo che in questa fase i miei avversari sono concentrati su altro, vedi Gianfranco Fini e dintorni - osserva la Dandini - E diciamo anche che la Rai è un'azienda contraddittoria: da un lato la Sipra mi ringrazia per lo share medio del 9% conquistato da Parla con me. Dall'altro, i vertici Rai mi trattano come Cenerentola. Se si aggiunge che il capo di RaiTre, Paolo Ruffini, e il direttore generale Masi si parlano giusto tramite i quotidiani, capite quant'è pesante lavorare qui dentro".
Nessun regime "nell'accezione tradizionale", precisa poi la conduttrice che, però, subito dopo parla di "un clima asfittico che toglie la voglia di fare" . Per lei ci sono 700mila euro di compenso annuale  ma, spiega, "mi pagano a puntata, come le corse di un taxi, il che vuol dire che possono cacciarmi in qualunque momento senza spendere un euro".

MENTANA UN FUORICLASSE, LA BERLINGUER PALUDOSA
In ultimo, la nota autrice-conduttrice, spende qualche parola molto positiva per Enrico Mentana ed il suo tg:"E' un fuori classe assoluto - dice -. Non soltanto perché dà le notizie, ma perché fa domande vere". Riguardo la direzione e la linea che la Berlinguer imprime al Tg3, la Dandini è invece più critica:"Di Bianca non mi piace la conduzione, in particolare a Linea notte: troppo rigida, paludata". E riguardo un suo possibile ritorno alla concorrenza? La risposta è piacevolmente scherzosa:"L'altra volta (era il 1999 ndr) quando sono passata a Mediaset, Berlusconi era all'opposizione. Dovesse riperdere..."

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©