Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Shooting al porto di Napoli con Sal Da Vinci e compagnia Napoli chi resta e chi parte


Shooting al porto di Napoli con Sal Da Vinci e compagnia Napoli chi resta e chi parte
11/02/2011, 13:02

Gran fermento al porto di Napoli avverrà il prossimo 16 febbraio. Sal Da Vinci e l’intero cast dello spettacolo “Napoli chi resta e chi parte” dalla regia di Armando Pugliese, sarà riunito per scattare le immagini per la locandina e il libretto di sala e per filmare il backstage che diverrà un promo visibile su tutti i maggiori social network. L’idea è partita da Vincenzo Bergamene, artista e docente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli che da anni cura l’immagine grafica della Komiko Production, la società di produzione diretta da Francesca Scarano, figlia “d’arte” che ha fortemente desiderato la realizzazione di questo spettacolo dopo 35 anni dalla prima ed unica edizione, prodotta da suo padre Lello, per la regia di Giuseppe Patroni Griffi. Spettacolo fortunatissimo che consacrò la notorietà di attori del calibro di Massimo Ranieri, Angela Luce, Angela Pagano, Mariano Rigillo, Antonio Casagrande e molti altri.

La nuova edizione vede come protagonista Sal Da Vinci, che, si trova ad affrontare per la prima volta nella sua fortunata carriera, il grande Viviani, e vanta un cast di 16 bravissimi attori e cantanti tra i quali Gaetano Amato, Lalla Esposito, Patrizia Spinosi, Ciro Capano, Tonino Taiuti e il decano Gigio Morra, l’anello di congiunzione, perché l’unico presente ad entrambe le edizioni a distanza di tanti anni.

Ci sarà, come nella vecchia edizione, l’orchestra dal vivo che verrà diretta da Adriano Pennino, arrangiatore e compositore di molti tra i più importanti musicisti italiani.
Una ripresa ambiziosa, dinamica e contemporanea, questa nuova edizione, che vuole avvalersi dei nuovi mezzi di comunicazione di massa per la promozione e la comunicazione e che installa un vero e proprio set cinematografico nel porto di Napoli. Attori con vestiti dell’epoca, i costumi sono curati dalla bravissima Daniela Ciancio, David di Donatello per il film “Il resto di niente”, si aggireranno per il porto tra lo sguardo stupito ed ammirato della gente che vi transita che diviene pubblico suo malgrado.
Seguirà, subito dopo, la post produzione del video girato e trasformato in promo che sarà visibile su youtube e diffuso nei maggiori social network. La redazione di un libretto di sala che sarà un reale backstage delle idee, gli spunti, gli stimoli, le motivazioni e l’entusiasmo che permeano questo nuovo lavoro teatrale. L’occasione per dare un assaggio di ciò che succederà al debutto nazionale che sarà il 13 maggio al Teatro Augusteo di Napoli. Nel corso della stagione successiva seguirà una tournée che toccherà i maggiori teatri della penisola.

Il primo atto, “Scalo marittimo”, conosciuto anche come “‘Nterr’ ‘a ‘Mmaculatella”, scritto nel 1918, descrive la triste condizione di chi, costretto dalla miseria, vede nell’emigrazione l’unica possibilità di sopravvivenza. Una folla variegata che, appena finita la prima guerra mondiale, si accalca sulla banchina davanti al transatlantico «Washington» in partenza per l'Argentina, mentre la commistione fra cinici faccendieri, in testa il ributtante domestico della locanda, la spoglia sino all'ultimo spicciolo prima che salga a bordo.
“Caffè di notte e giorno” è invece un tipico squarcio sulla realtà dei quartieri di Napoli: nel misero contesto di un caffè sempre aperto si incontrano personaggi di ogni genere, degradati dalla fame e dall’ignoranza; la prostituta che rifiuta un bravo giovane per lasciarsi sfruttare e picchiare dal magnaccia, la fidanzata che viene a cercare il fidanzato perduto per amore di quella donna, la famiglia senza casa che porta i bambini a dormire nel bar, e l’epilogo drammatico in cui il delinquente, per salvarsi, nasconde il coltello nella tasca dell’ignaro perché la polizia lo trovi su di lui.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©