Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Si chiude la rassegna Out of Bounds


Si chiude la rassegna Out of Bounds
03/04/2013, 16:42

La stagione Out of Bounds, che ha presentato nella città di Salerno un teatro "fuori confine" dedicato alla drammaturgia contemporanea, si chiude con una produzione dell'Officina Teatrale L.A.A.V.

 

“La scelta di lavorare su Suzanna Andler di Marguerite Duras dichiara la regista Licia Amarante - è inerente ad un mio personale percorso di ricerca sull’analisi dei rapporti tra le persone ed in particolare sulle dinamiche di coppia. Da alcuni anni, infatti, sto sperimentando nel mio lavoro teatrale il significato dello sgretolamento della coppia in senso tradizionale. Attraverso studi  che mi hanno portato alla messa in scena de L’Amante di Harold Pinter o di Attese I-II-III con testi di Romagnoli, Francese e Pascual, ho raggiunto la convinzione che il teatro debba essere uno specchio entro cui guardarsi e riflettere per capire.

La storia di Suzanna credo sia una storia molto attuale, non tanto nello svolgimento dei fatti stessi, ma per la deriva a cui sono costretti i personaggi. Una deriva acuita dalle menzogne della protagonista che, in questo modo, tende a riportare tutto in una agognata “normalità”, fatta di certezze e, perché no, di affetti.  Il mondo alto - borghese, di cui Suzanne fa parte, e che non le garantisce appagamento e serenità, appare squarciato nel confronto con una realtà “altra” mostrata dal suo amante, laddove le necessità della vita sono più urgenti.

Non sarà possibile ai due amanti se non essere naufraghi in un mare di confusione, ma abbracciati nella speranza di sopravvivere ad ‘amori morti’ ”.

 

Informazioni

Il L.A.A.V. è un progetto artistico nato nel 2009 da un’idea di Licia Amarante e Antonella Valitutti. È un’ Officina perché è un progetto in divenire, dove tutti apportano le loro esperienze e le loro capacità. È Teatrale perché l’idea è quella di creare un polo in cui le arti teatrali possano svilupparsi, arricchendo le conoscenze specifiche ed incentivando il confronto tra specialisti dei diversi settori.

L’Officina si occupa di formazione teatrale con corsi di dizione, laboratori sul movimento (mimo, maschera, espressività corporea), storia del teatro e dei luoghi teatrali, recitazione, trucco, giocoleria, tenuti da insegnanti interni e da collaboratori esterni anche con stages periodici. L’utenza a cui si rivolgono tali attività spazia da una fascia di età scolare (dalle elementari alle superiori) a studenti universitari ed adulti. Il L.A.A.V. è diviso in un Laboratorio Permanente Bambini, un Laboratorio Permanente Ragazzi, un Laboratorio per Adulti (dal 2011), una Compagnia Teatrale Professionisti e una Compagnia Teatrale dei Giovani. L’Associazione culturale Officina Teatrale L.A.A.V. opera in particolar modo su un repertorio di teatro moderno e contemporaneo, promuovendo la diffusione di opere di nuovi talenti della drammaturgia contemporanea e si occupa di promozione e produzione di eventi culturali.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©