Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Sky trasmette "Shooting Silvio"; ed è polemica


Sky trasmette 'Shooting Silvio'; ed è polemica
15/04/2009, 09:04

Nuovo attacco politico del PdL contro Sky, ormai non più libera di mandare i film che vuole. Infatti, c'è un accordo tra la piattaforma satellitare e ANICA, che prevede che Sky debba trasmettere tutti i film italiani che superano i 20 mila spettatori nelle sale cinematografiche. E tra questi film, c'è quello di ieri sera, "Shooting Silvio" ("Sparando a SIlvio"), un film surreale di Berardo Carboni. Nel film il protagonista è Giovanni (interpetrato da Federico Rosati), un ragazzo che è ossessionato da Silvio Berlusconi, considerato la reincarnazione del male. Per cui cerca di distruggerlo, prima con un libro pieno di invettive, poi progettandone il rapimento e l'omicidio. Nel film compare anche Marco Travaglio. E' evidente che si tratta di un'opera di fantasia, basta guardarla.
Apriti cielo! Il PdL si è scagliato contro Sky, per avere trasmesso il film allo scopo di incitare alla violenza contro il Presidente del Consiglio (e meno male che Sky aveva cercato di non trasmetterlo, contestando anche i dati delle presenze nei cinema, ndr). Addirittura sfonda il muro del ridicolo la dichiarazione di Nunzia De Girolamo, deputata del PdL, che ha detto: "Giovedì Santoro con Annozero, ieri sera Sky che ha proposto il diseducativo film 'Shooting Silvio'. Sembra quasi che sia partita in sordina per diventar tempesta una nuova offensiva mediatica contro Berlusconi".
Una cosa facile, una campagna mediatica contro chi controlla 5 reti televisive in chiato su 7 e tiene sotto scacco le altre due; chi con l'obbligo del digitale terrestre sta negando progressivamente a milioni di italiani la possibilità di vedere i canali RAI; chi controlla direttamente o indirettamente gran parte della informazione su carta stampata; chi ci sta addebitando 350 mila euro al giorno di multa, pur di mantenere illegalmente in attività Rete 4, contrastando le sentenze della Corte Costituzionale e del Tribunale di Strasburgo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©