Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Solidarietà: Afro-Napoli vs. Chiesa Cattolica per i profughi di Santa Maria Capua Vetere


Solidarietà: Afro-Napoli vs. Chiesa Cattolica per i profughi di Santa Maria Capua Vetere
05/07/2011, 15:07

Napoli – Atleti africani e napoletani insieme a preti e seminaristi saranno i protagonisti di Novanta minuti per vincere l’indifferenza sabato 9 luglio 2011 alle ore 20.00 presso lo stadio comunale «Salvatore Nuvoletta» di Marano (Napoli). Si tratta di un incontro di calcio per beneficenza tra la squadra Afro-Napoli United e una rappresentanza di sacerdoti di diverse parrocchie della Chiesa di Napoli e di seminaristi di Capodimonte.

L’incontro è organizzato dall’ufficio di Pastorale sportiva della Caritas diocesana di Napoli con l’associazione Afro-Napoli United, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Marano. Sarà coordinato dal Comitato provinciale di Napoli del Centro Sportivo Italiano.

Il ricavato della partita (che è a offerta libera) servirà a sostenere i profughi del CIE (Centro di Identificazione e di Espulsione) di Santa Maria Capua Vetere.

Sarà possibile contribuire all’iniziativa anche donando vestiti, scarpe nuove e generi di prima necessità presso la parrocchia di San Castrese (in via Parrocchia a Marano) e fino al 17 luglio in altri punti raccolta aperti presso altre parrocchie di Napoli e provincia.



Afro-Napoli United è nata nel 2009 per combattere la discriminazione e favorire la convivenza paritaria tra napoletani e migranti attraverso lo sport. A promuoverla è stato Antonio Gargiulo, giovane commercialista napoletano appassionato di sport, esperto di cooperazione sociale e dal giugno scorso presidente del gruppo di imprese sociali Gesco.

Oggi Afro-Napoli United conta circa 40 persone, 10 italiani e 20 tra africani (provenienti da Senegal, Ghana, Costa d’Avorio e Tunisia) e sudamericani (da Paraguay e Cile), e partecipa al campionato amatoriale provinciale Aics. Ogni settimana i ragazzi di Afro-Napoli si allenano sul terreno di gioco del Cis di Nola che mette a loro disposizione gratuitamente il campo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©