Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Sonorità classiche contemporanee per Concerti al Tramonto


Sonorità classiche contemporanee per Concerti al Tramonto
11/07/2012, 13:07

Il duo Axelsson & Nilsson venerdì 13 luglio a Villa San Michele. Giro di boa per la rassegna Concerti al Tramonto di Villa San Michele.  Dopo gli ultimi due appuntamenti in cappella, scanditi dalle note del pianoforte e dalle voci di due soprano d'eccezione, venerdì 13 luglio alle ore 20,00, ci si sposta nuovamente sulla terrazza panoramica per far spazio a un'esibizione che accontenterà non solo gli appassionati di musica classica, ma anche quelli che amano in particolare il genere contemporaneo.

Il percussionista Jonny Axelsson e il trombonettista Ivo Nilsson che insieme compongono il duo Axelsson&Nilsson, formatosi nel 1986, esploreranno in modo unico il repertorio di Pisati, Scelsi, Rehnqvist, attraverso il tratto che maggiormente caratterizza le loro esibizioni: l'innovazione. Grazie alla singolarità con cui creano nuovi arrangiamenti e rivisitazioni dei brani, i due musicisti, negli anni, sono stati coinvolti in una serie di progetti musicali d'avanguardia, concerti e partecipazioni a festival musicali internazionali in Europa, USA e Asia.

Andrew Clements sul The Guardian ha scritto: "Non c'è niente di sgargiante o schizzinoso in Axelsson, si esprime semplicemente con una musicalità abbagliante", Roger Thomas sul The Record Review International: "La musica di Axelsson è fluida, organica e altamente strutturata - in breve, semplicemente superba" e Anna Picard sull'Independent: "Non intendo mancare di rispetto agli altri percussionisti quando dico che Axelsson è il batterista più straordinario che abbia mai visto".

La kermesse Concerti al Tramonto, organizzata dalla Fondazione Axel Munthe, diretta del sovrintendente Peter Cottino, la cui direzione musicale è affidata al pianista svedese Love Derwinger, continuerà fino al 10 agosto ed è realizzata con il sostegno del Consiglio della Cultura dello Stato Svedese, con il patrocinio dell'Ambasciata di Svezia e con il contributo di Progetto Piano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©