Cultura e tempo libero / Viaggi

Commenta Stampa

Soprintendenza BSAE della Calabria, XIII Settimana della Cultura


Soprintendenza BSAE della Calabria, XIII Settimana della Cultura
06/04/2011, 11:04

In occasione della XIII Settimana della Cultura la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico, ha previsto numerose iniziative. La prima che si terrà a Cosenza, palazzo Arnone - Salone delle Udienze, dal 7 al 9 aprile prossimo, è dedicata alla figura di Giulio Carlo Argan con un convegno di studi (Giulio Carlo Argan: l’impegno politico, la storia dell’arte, i beni culturali) promosso dalla Soprintendenza BSAE della Calabria, in collaborazione con l’Università degli Studi della Calabria e col Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario della nascita di Giulio Carlo Argan. Il convegno rende omaggio ad un grande protagonista della Storia dell'Arte e della cultura del Novecento e ne illustra l’opera di critico militante, intellettuale di statura internazionale e politico dei beni culturali. Le giornate di studio offriranno l’occasione per riflettere sul suo progetto di tutela del patrimonio artistico. Il metodo appassionato ed intelligente di Argan saprà fornire un’efficace lente per rileggere le vicende artistiche e l’evoluzione della politica di tutela in Calabria, permettendo di riconsiderarne la storia del territorio, nelle sue espressioni urbane e paesaggistiche, in relazione ai fenomeni politici e sociali che l’hanno percorsa.  Il convegno, con il coordinamento scientifico di Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria e di Alessandra Anselmi, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi della Calabria, si concluderà sabato 9 Aprile con una visita guidata alla Galleria Nazionale di Cosenza (dalle ore 10.00 alle ore 13.00) a cura degli studenti del liceo classico "B. Telesio" di Cosenza. Lunedì 11 aprile, a Cosenza, palazzo Arnone, ore 11.00, si terrà la Presentazione sito di diagnostica, progetto sperimentale a cura della Soprintendenza BSAE della Calabria - Sezione Diagnostica. Il sito, realizzato con la collaborazione esterna della diagnosta Valentina Cosco, evidenzia l’importanza della diagnostica nell’attività di tutela, conservazione e restauro dell’opera d’arte nonché l’attività svolta dalla Soprintendenza in questo settore. Il sito fornisce informazioni, pubblica news ed aggiornamenti sulle attività, articoli a sfondo didattico, resoconti su lavori di particolare pregio. Interverranno: Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria e Valentina Cosco, diagnosta. Lunedì 11 aprile, a Cosenza, nella chiesa di San Gaetano, alle ore 17.00, avrà luogo la Presentazione restauro Crocifisso ligneo. Il manufatto, del XVI secolo, verrà riconsegnato in quest’occasione alla presenza di Nella Matta Rocca, presidente Fidapa sezione di Cosenza; Giliola Langher Gullino, past presidente Fidapa sezione di Cosenza; don Salvatore Fuscaldo, sac. can. parrocchia San Gaetano; Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria e Rosanna Caputo, storico dell’arte direttore coordinatore della Soprintendenza BSAE della Calabria. Il restauro è stato effettuato con la collaborazione della FIDAPA di Cosenza. Un breve concerto a cura del Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza accompagnerà l’importante momento. Venerdì 15 aprile, alle ore 11.00, ci sarà la cerimonia di Intitolazione sala Angela Mazzuca. A ricordo di Angela Mazzuca, storico dell’arte della Soprintendenza BSAE della Calabria, prematuramente scomparsa, sarà dedicata a Cosenza, palazzo Arnone, sede della Soprintendenza, una sala. Interverranno: Francesco Prosperetti, direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria; Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria; Raffaele Giovinazzo, comandante carabinieri Tutela Patrimonio Culturale Nucleo di Cosenza; Salvatore Perugini, sindaco di Cosenza e don Giancarlo Gatto, chiesa di San Giovanni Battista di Cosenza. Sabato 16 aprile 2011, alle ore 11.00, a Cosenza, palazzo Arnone, si terrà la Presentazione volume Melchiorre Cafà Insigne modellatore. La Natività, l’Adorazione dei pastori ed altre opere in cera. Interverranno: Alessandra Anselmi, docente di Storia dell’Arte Moderna Università degli Studi della Calabria; Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria; Sante Guido e Giuseppe Mantella, restauratori, curatori del volume. Il ritrovamento dei quattro inediti capolavori di Melchiorre Cafà, che ha contribuito ad incrementare l’esiguo ma significativo corpus delle opere del giovane artista maltese, viene ampiamente illustrato nella pubblicazione con efficaci raffronti e puntuali rimandi alle vicende biografiche e all’opera nota di Melchiorre Cafà. Il volume, edito da Rubbettino, è corredato da un corposo apparato fotografico. Domenica 17 aprile 2011, alle ore 16.00, a Bova (Reggio Calabria), chiesa dello Spirito Santo, la Soprintendenza BSAE della Calabria e il comune di Bova, nell’ambito del convegno Sincretismi nell'Area Grecanica: valorizzazione e fruizione liturgica di un bene immateriale nella Calabria Greca presentano il volume di Alfonsina Bellio All’Ombra delle Pupazze in Fiore – Antropologia di un rito nella Calabria grecanica. Il convegno è ideato e promosso da Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria e da Pasquale Faenza, conservatore di Beni Culturali, con lo scopo di promuovere, tutelare e valorizzare il patrimonio culturale dell'area grecanica. Nel corso della giornata di studi, aperta dall’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri, dal soprintendente Fabio De Chirico e dal sindaco di Bova Leo Giovanni Andrea Casile, saranno approfondite le tematiche legate alla conoscenza e alla valorizzazione della Processione delle Pupazze o Persefoni, evento tradizionale della domenica delle Palme di straordinaria valenza etnoantropologica. Parteciperanno, inoltre, Annamaria Lico, responsabile del settore etnoantropologico della Soprintendenza BSAE della Calabria; Egidio Cossa, antropologo della Soprintendenza al Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” di Roma; Alfonsina Bellio, antropologa dell’Università della Calabria e Pasquale Faenza, conservatore, storico dell’arte della Scuola di Specializzazione di Storia dell’Arte Medievale e Moderna alla Sapienza di Roma.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©