Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Spazio Nea, Incontro con la designer Stefania Salvetti


Spazio Nea, Incontro con la designer Stefania Salvetti
13/05/2013, 09:54

Stefania Salvetti In tutti i sensi come la bellezza richiede Nuovo appuntamento con ArchiliNea  Mercoledì 15 maggio 2013 - ore 19.00 Comunicato stampa Sono come piccoli frammenti del mondo da portare sempre con sé i monili ideati e realizzati dalla designer napoletana Stefania Salvetti. Da mercoledì 15 maggio (ore 19.00) una collezione delle sue creazioni, fotografate da Lucia Dovere, sarà esposta nella Project Room dello Spazio Nea di Napoli. L'incontro, dal titolo In tutti i sensi come la bellezza richiede, è il nuovo appuntamento di Archilinea, la rassegna di design e architettura contemporanea partenopea curata da Claudia Oderino.

Stefania Salvetti, architetto, classe 1972, riversa negli oggetti creati gli anni di lavoro in studi di progettazione in Italia e in Inghilterra e l'esperienza come logista-costruttore per Medici senza Frontiere in missione in Kenya e in Uganda. I suoi gioielli diventano pezzi di storie, diverse e lontane, che si mescolano per trovare naturale posto su un polso, un gomito, un giro-collo. Sostenitrice della intrinseca bellezza di qualsiasi materiale, la designer sceglie pietre, plastiche, copertoni, metalli, materiali naturali e artificiali, spesso dalle tante precedenti vite, per dare forma alle sue idee. 

Sottraendo materia all'abbandono, realizza oggetti fatti con estrema sapienza, opere pensate per vivere a contatto con il corpo e, quindi, per trasformarsi in armonia con esso. Da qui la definizione di “opere-per-corpi-sensibili-in-movimento”: nella concezione dell'artista, chi possiede questi monili deve sentirsi libero di completarli o modificarli a proprio piacere. Un'operazione di apertura alla partecipazione emotiva di chi indosserà questi oggetti, che, come la vita, gli uomini e la stessa materia, possono e devono essere in perenne ridefinizione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©