Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

L'impresario uccise un'attrice nella sua villa di Holliwood

Spector condannato, almeno 19 anni per omicidio


Spector condannato, almeno 19 anni per omicidio
29/05/2009, 21:05

Phil Spector, l’eccentrico impresario musicale che all’epoca fu anche produttore dei Beatles, probabilmente finirà i suoi giorni in galera. L’uomo è stato condannato ad un minimo di 19 anni e ad un massimo di carcere a vita per l’omicidio di una giovane attrice nella sua villa di Holliwood. Spector, 69 anni, in aprile era stato riconosciuto colpevole per la morte di Lana Clarkson, uccisa nel 2003. Newyorkese trapiantato a Los Angeles dopo il suicidio del padre, quando lui aveva appena 12 anni, Spector è considerato il produttore musicale più famoso della storia, padre del Wall of Sound e punto di riferimento dei Beatles, dei Rollings Stornes, di Tina Turner, dei Ramones, di Leonard Cohen e di Cher.
Spector si era sempre dichiarato innocente, sostenendo che l’attrice quarantenne si era uccisa accidentalmente giocando con la pistola. I due si erano conosciuti in un night e Spector aveva portato la donna nella sua villa, Pyrenees Castle, per passare la notte. Poco dopo, la telefonata del suo autista alla polizia: “Penso che il mio capo abbia ammazzato qualcuno”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©