Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Sport per l’inclusione sociale, parte il progetto Waves in partenariato con quattro Paesi Europei

Sport e disabilità: questo il tema del progetto Waves

Sport per l’inclusione sociale, parte il progetto Waves in partenariato con quattro Paesi Europei
29/11/2013, 11:20

In occasione della Giornata Mondiale della Disabilità del 3 dicembre, l’Italia ospiterà dal 2 al 6 dicembre i partner europei del progetto Waves (Water Activities and Vitality in Environmental Spaces), finanziato dal programma europeo di apprendimento permanente Lifelong Learning Programme.

L’obiettivo di Waves è la promozione di stili di vita sani,  in particolare attraverso le attività di sport all’aria aperta e mira a coinvolgere giovani e adulti in condizioni di svantaggio socio-economico, in particolare disabili,  e operatori sociali che lavorano con persone con minori opportunità.

Il progetto Waves sarà presentato a Santa Maria Capua Vetere (CE) all’interno della Settimana Internazionale della Disabilità, durante l’incontro/dibattito organizzato dall’associazione Arcifelix, in collaborazione con la cooperativa sociale Attivarci, che si terrà il 4 dicembre, ore 9:00, presso il Salone degli Specchi – Teatro Garibaldi.

Di seguito il programma completo degli appuntamenti della Settimana Internazionale della Disabilità (29 novembre – 4 dicembre) organizzati dal Comune di Santa Maria Capua Vetere in collaborazione con il Lifelong Learning Programme dell’Unione Europea:

-         29 novembre, ore 21:00, spettacolo “Il regalo rotto” della compagnia teatrale “AltroTeatrOltre”, presso il Teatro Garibaldi, Santa Maria Capua Vetere

-         3 dicembre, in occasione della Giornata Mondiale della Disabilità, saranno presentante diverse attività legate allo sport e disabilita:

alle 10:30, presso l’Istituto Scolastico “R. Perla”, Santa Maria Capua Vetere, performance sportive degli iscritti alle attività del progetto “Il volo libero” finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzato dalla cooperativa sociale “InVento” Onlus;

alle 12:00, presso l’Istituto Comprensivo “R. Uccella”, Santa Maria Capua Vetere, performance teatrale della compagnia “Mani nel cappello” del Centro di riabilitazione “L’Oasi” di Castelcampagnano (CE)

alle 16:00, presso la Villa Comunale di Santa Maria Capua Vetere, esibizione di scherma del “Club Scherma Loyola” in collaborazione con l’Istituto Comprensivo del Principe di Piemonte di Santa Maria Capua Vetere

-         4 dicembre, alle ore 9:00, presso il Salone degli Specchi – Teatro Garibaldi, Santa Maria Capua Vetere, convegno “Sport e disabilità” durante il quale sarà presentato il progetto Waves.

 

Il progetto Waves coinvolge almeno 30 partecipanti italiani tra i 25 ed i 60 anni, tra cui: disabili, genitori di persone disabili, professionisti che lavorano a vario titolo con la disabilità, rappresentanti di organizzazioni del territorio che trattano il tema dello sport come strumento di inclusione sociale, educatori e insegnanti impegnati nella ricerca e sperimentazione di modelli formativi di partecipazione non-formali.

Le attività riguarderanno diverse forme di sport all’aria aperta (trekking, surfing, water-gym, snowboarding, natural exploring, cycling), realizzazione di eventi locali per la promozione dello sport e degli stili di vita sani, partecipazione alle attività organizzate dagli altri partner. Il progetto prevede, infatti, momenti di incontro nei vari Paesi a cui i partecipanti possono prendere parte. In tal modo si vuole rafforzare il concetto di scambio di culture, metodologie, strumenti ed esperienze tra Paesi diversi.

I partner coinvolti nel progetto sono cinque.

In Italia, l’associazione Arcifelix di Caserta che lavora con giovani ed adulti a rischio di esclusione sociale. In particolare l’associazione collabora con il Centro “Il Dado”, struttura a ciclo diurno rivolta a soggetti in condizione di disabilità intellettiva e relazionale che abbiano terminato il ciclo scolastico, che ha sede nel Comune di Santa Maria Capua Vetere.

In Inghilterra, l’organizzazione non-profit The Wave project CIC, impegnata con giovani ed adulti con problemi di autismo, disabilità fisiche, abusi familiari, difficoltà socio-economiche. Gli strumenti di lavoro utilizzati sono il surf e le attività all’aperto.

In Turchia, l’organizzazione Muratpasa Ilce Milli Egitim Mudurligu che si occupa dell’apprendimento permanente di adulti, formatori, inseganti, genitori, volontari, e supporta la qualità del loro lavoro soprattutto nei contesti di maggiore difficoltà e svantaggio.

In Romania, l’Università Navale di Galati Dunarea de Jos che sostiene la ricerca in materia ambientale e lo sviluppo di strumenti di riduzione dell’inquinamento.

In Portogallo, l’associazione Associacao de Professores che promuove lo sviluppo delle competenze di inseganti ed educatori  al fine di migliorare la qualità del loro lavoro nei contesti rurali e di maggiori difficoltà socio-economiche del paese.

Per maggiori informazioni, si rimanda al sito del progetto:

https://sites.google.com/a/waves-project.eu/the-waves-project/

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©