Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Attore ospite al Festival Internazionale del Film di Roma

Stallone: “Sono come Rambo, non vado in pensione”


Stallone: “Sono come Rambo, non vado in pensione”
14/11/2012, 20:55

ROMA -  Il Festival Internazionale del Film di Roma ha un ospite d’eccezione: l’attore Sylvester Stallone. Stasera alle 19,30 sarà proiettato fuori concorso 'Bullet to the head' di Walter Hill. Durante la conferenza stampa, Stallone dichiara di sentirsi come Rambo: "E' come non può e non vuole andare in pensione. Sto pensando a un soggetto, magari Rambo che combatte? l'atrite. Sì, credo che potrebbe tornare, magari come donna: Rambolina".
Nonostante i suoi 60 anni, l’attore appare in forma ed in vena di ricordi: “Quando sono andato a Hollywood pensavo di piacere a tutti, ma non era così. Dopo aver girato 'Rocky', film che aveva incassato tantissimo e per il quale non avevo visto un dollaro, sono andato dal capo degli Studios a chiedere il motivo. Lui mi ha risposto - ricorda Stallone - che non gliene importava nulla di me e che potevo andarmene via. Ho capito lì che questo è un business, è un lavoro serio dove in prima linea c'è l'ego delle persone. Da allora - aggiunge - ho deciso di fare molti film sulla volontà di superare ostacoli".
Sollecitato dalla stampa, Stallone fa un viaggio nel tempo, ricordando il suo esordio, nel lontanto ‘72 quando esordì come comparsa nel film 'Il dittatore dello stato libero di Bananas' dove interpretava un teppista che molesta le vecchiette e da' la caccia a Woody Allen, "Io e un altro attore convincemmo il regista, che era nervosissimo, a prenderci - racconta - dopo esserci cosparsi la faccia di vasellina. Andammo da lui, che in un primo momento ci aveva scartati perché riteneva che non fossimo troppo credibili come cattivi e gli dicemmo: ora ti sembriamo spaventosi? Lui ci prese subito". In quanto ai personaggi che hanno fatto la sua fortuna, Stallone confessa di avere un rapporto speciale con Rambo.
"Non ci sarà più un altro film su Rocky – dichiara Sly - con lui ho finito, mentre non è chiuso il capitolo dedicato a Rambo. Lui è come me, non può andare in pensione. E' un uomo che ha sempre mentito a se stesso - aggiunge - è uno che ha pensato di combattere per il suo Paese e invece l'ha fatto solo per se stesso, ha bisogno della guerra, non ha una casa e cerca di morire in battaglia".
Stallone parla anche del film preparato con il “rivale” Arnold Schwarzenegger,'The Tomb': "Eravamo nemici? - ride Stallone. Forse un tempo eravamo avversari al box office, ma ormai siamo amici e vedrete che nel film che abbiamo girato insieme lui è fantastico".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©