Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Stelvio Cipriani presenta il suo libro un’eterna melodia al Conservatorio di Napoli


Stelvio Cipriani presenta il suo libro un’eterna melodia al Conservatorio di Napoli
13/05/2013, 14:04

venerdì 17 maggio alle ore 16.00 Stelvio Cipriani presenta il suo libro Un’eterna melodia al Conservatorio di Napoli “San Pietro a Majella” introduce il direttore del Conservatorio Elsa Evangelista    Una vita di note: Stelvio Cipriani si racconta in un’autobiografia pubblicata da Graus Da Anonimo Veneziano alle serie tv, passando per “er monnezza” alias Tomas Milian e Fellini. Una carriera artistica lunghissima, una vita intensa non solo dietro al pianoforte. Un’eterna melodia autobiografia di Stelvio Cipriani, traccia le tappe di un itinerario che, dal punto di vista musicale, ha fatto registrare forse il momento di maggiore notorietà con la colonna sonora di “Anonimo Veneziano”. Anche se la carriera di Cipriani è fittissima tra sceneggiati e serie televisive, film, dischi. Cipriani ha avuto moltissimi altri momenti altissimi, come quando ha suonato per Wojtyla. Per Cipriani la musica è “linfa vitale”, e si intreccia anche con la sua storia personale. Abbinare la musica alle immagini, traendone fuori dei capolavori che contribuiscono a decretare il successo di un film. La magia della musica lo ha portato a suonare anche al cospetto di papa Wojtyla, uno degli apici della sua vita artistica. Tantissime le serie tv per cui ha realizzato le colonne sonore, solo ultima in ordine di tempo quella sulla vita del poeta romano “Trilussa”, andata in onda a marzo 2013 su Raiuno. E, a proposito di pontefici, Cipriani ha suonato anche al cospetto di Ratzinger, che era anche pianista, come poi scoprì il Maestro dopo aver ricevuto i suoi apprezzamenti anche tecnici e stilistici. Ma nella vita di Cipriani c’è anche molto cinema. Ha lavorato con tantissimi registi. Alcuni italiani: Dino Risi, Carlo Lizzani, Paquale Festa Campanile; e altri stranieri come Akira Kurosawa. Cipriani racconta anche di quando incontrò Fellini presentatogli da Nino Rota, quest’ultimo disse a Fellini “Ti presento Stelvio Cipriani, l’autore delle musiche di Anonimo Veneziano”. “Ninetto vuoi che non lo sappia?” rispose Fellini. Da Nino Rota e da un altro musicista, Henry Mancini, autore, tra l’altro della immortale Moon River e del tema famosissimo della Pantera Rosa, Cipriani afferma di aver imparato tutto. Una vita costellata di aneddoti, e di incontri importanti in cui ha incrociato i più grandi, in un percorso artistico iniziato negli anni sessanta e durato fino ad oggi. 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©