Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Striscia di Gaza. Angels e Dipartimento della Gioventù inaugurano progetto: 'Rinnoviamo l'Orfanotrofio Al Amal'


Striscia di Gaza. Angels e Dipartimento della Gioventù inaugurano progetto: 'Rinnoviamo l'Orfanotrofio Al Amal'
21/02/2012, 13:02

La Angels onlus, in compartecipazione con il Dipartimento della Gioventù, ha dato il via al progetto umanitario 'Rinnoviamo l'Orfanotrofio Al Amal', nella Striscia di Gaza, il cui scopo è donare agli orfani palestinesi strumenti e beni utili all'apprendimento ed allo sviluppo psico-motorio. All'iniziativa, per i beni che proverranno dall’Italia, collaboreranno anche le autorità israeliane.

I piccoli orfani del conflitto israelo-palestinese hanno chiesto ai volontari A.N.G.E.L.S. (Associazione Nazionale Giovani Energie Latrici di Solidarietà) a Gaza di esaudire alcuni desideri.

“Non potevamo certo ignorarli e ci siamo impegnati nel rinnovo dei locali della struttura sia attraverso alcune dotazioni tecniche che attraverso donazioni di playstation e computer, biciclette ed attrezzature per la palestra appena inaugurata. Stiamo inoltre allestendo un laboratorio artistico per la ceramica ed una libreria - ha spiegato Benedetta Paravia, portavoce di Angels – poichè soprattutto le bambine hanno espresso l’esigenza di dedicarsi all’arte ed alla lettura”.

L'Orfanotrofio Al-Amal, che vuol dire 'speranza' è stato fondato nel 1949 per fornire riparo e cure agli orfani palestinesi vittime di difficoltà sociali ed economiche. Ai piccoli viene fornito vitto, alloggio ed una adeguata istruzione per facilitare lo sviluppo culturale. Partecipano inoltre ad incontri di studio che contribuiscono a motivarli e sollevarli dall'ignoranza e dal conseguente pericolo di pregiudizi. “L’orfanotrofio ad oggi ospita 99 bambini, 18 dei quali orfani del conflitto e quest’estate i più meritevoli potrebbero ricevere una gradita sorpresa: stiamo infatti cercando di organizzare una vacanza di qualche settimana a Roma , ha concluso Benedetta Paravia.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©