Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Prefazione di Marco Travaglio

"Strozzateci tutti": 23 autori raccontano la mafia


.

'Strozzateci tutti': 23 autori raccontano la mafia
22/12/2010, 15:12

NAPOLI - Strozzateci tutti. Un nome, un titolo di un libro, che vuole essere una provocazione. Soprattutto, una risposta alle parole di Silvio Berlusconi, che aveva detto di voler strozzare quelli che scrivono libri di mafia. Così il libro è arrivato davvero. Redatto non da una sola mano ma da ben 23 menti che si sono unite per parlare di criminalità al Sud e per spiegare cosa manca al sistema giustizia per funzionare davvero. L’antologia, che è già in libreria dal 30 settembre, contiene 18 saggi suddivisi in due sezioni: le Mafie quotidiane e la modernizzazione delle Mafie. Nella prima sono raccolti gli argomenti psico-sociali, le cronache, le inchieste e i racconti legati al territorio; nella seconda si concentrano gli approfondimenti di storia, sociologia, economia e i temi che riguardano l’immaginario collettivo. Sono le voci, le vive testimonianze di chi affronta quotidianamente la realtà difficile del meridione raccolte da giornalisti, e non solo, che hanno scelto con coraggio di conoscere i territori più degradati per provare a raccontarli e soprattutto a cambiarli.
Nel testo c’è davvero di tutto: l’espansione economica della ‘ndrangheta, il lavoro dei cronisti precari, la mentalità mafiosa e i suoi risvolti psicologici, la collusione triangolare tra politica affari e mafie, le storie dei ragazzi di periferia, la musica di malavita, i corsi e ricorsi storici di cosa nostra, il controllo mafioso delle celebrazioni religiose, l’anomalia dei beni confiscati, la memoria delle vittime innocenti e molto altro. Tutto raccontato attraverso gli occhi dei protagonisti, per far capire che parlare di mafia, conoscere la mafia è il primo passo per sconfiggerla davvero.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©