Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Successo a Milano per gemellaggio Salerno-Corpo di Napoli


Successo a Milano per gemellaggio Salerno-Corpo di Napoli
04/12/2013, 09:56

NAPOLI - <<Siamo veramente soddisfatti, dichiara Gabriele Casillo, Presidente dell’Associazione Corpo di Napoli - Onlus, dell’accoglienza che la Città di Milano ha riservato alle opere d’arte presepiale edell’artigianato di qualità che i maestri artigiani di San Gregorio Armeno e zone limitrofe, delle antiche botteghe:Alpa Presepi; Buonincontro; Carpi; Cesarini; Coletta; Cosmos; D’Auria; Di Virgilio; EX di Riccardo Ruggiano; Fratelli Gambardella; Gambardella Presepi; Il Mondo dei Pastori; La Bottega del Mandolino; L’Originalità di Pulcinella; Monica Russo; Onofrio-Piezzo; Petrucciani hanno potuto “esportare” nel capoluogo lombardo in virtù del consolidato gemellaggio culturale che anche quest’anno ha visto il Comune di Salernol’Associazione Bottega San Lazzaro di Salerno e l’Associazione Corpo di Napoli, uniti, anche se fuori dalla Regione Campania, per meglio promuovere le eccellenze artistiche e culturali della nostra terra. L’esposizione deipresepi tradizionali artigianali napoletani insieme al Presepe Dipinto opera del maestro salernitano Mario Carotenuto che lo scorso anno abbiamo potuto esporre nella Cattedrale di Napoli, sta infatti riscuotendo un successo incondizionato in Piazza del Duomo a Milano, dove, per l’occasione è stata allestito dal Comune di Milano, un’elegante cupola trasparente che, guardata dall’alto, anche grazie ai tanti video trasmessi in questi giorni, appare come una perla bianca, incastonata nelle ardite architetture gotiche del Duomo milanese ed incorniciata dai bellissimi stands color rosso granata che costituiscono il grande e perfettamente organizzato “mercatino di Natale” meneghino.  
Sono centinaia di migliaia i visitatori che già da domenica 1° dicembre, stanno affollando l’esposizione campana con manifestazioni di apprezzamento per le opere esposte e che dimostrano come, nonostante l’ulteriore deterioramento dell’immagine che la nostra Città e la Regione intera stanno subendo negli ultimi tempi, l’arte, la cultura ed il fascino del Natale napoletano, continuano a produrre i loro effetti.
Spiace che la storica Fiera di Natale ai Decumani, quest’anno giunta al suo 141esimo compleanno e che abbiamo dedicato ad Enrico Caruso, l’emigrante napoletano per eccellenza costretto a lasciare l’ingrata Napoli ed a cercare altrove maggiore rispetto e stima, non abbia potuto godere di analogo successo anche per l’assurda perdita di tempo che ha impedito un “normale” avvio dell’attività fieristica ai Decumani, dove essendo ormai alle viste il termine della Fiera, non sono state ancora installate le programmate luminarie offerte dalla Camera di Commercio.  Sabato scorso, 30 novembre, infatti San Gregorio Armeno, per una inusuale “inaugurazione” è piombata nel buio quasi totale ed il surreale silenzio della folla comunque presente, ha sottolineato la gravità della situazione; una cosa mai vista nel corso di quasi un secolo e mezzo, di Fiera!
Ci rincuora il fatto che da tutta Italia ed anche dall’Estero ci giungono attestati di solidarietà e di amicizia e, in  virtù dell’affetto che ci sta circondando abbiamo deciso, insieme a tutti i nostri associati, di condividere con altre città ed Enti Locali, il “Natale Lungo napoletano” con una programmazione di mostre-mercato ed esposizioni che toccheranno, già dalla prossima settimana e per tutto il 2014, varie tappe sia in Italia che all’Estero.
Salerno, partner privilegiato, ospiterà per prima, una mostra di arte presepiale unica nel suo genere: nel Tempio di Pomona, dove è in corso l’allestimento della esposizione di circa venti opere provenienti da San Gregorio Armeno, a fine settima si inaugurerà l’esposizione: “Te piace ‘o Presepio, viaggio esoterico nel Presepio Napoletano, tra Devozione, Simboli e Leggende”; un vero e proprio cammino di redenzione nel significato più profondo della Fede che il Presepio Napoletano custodisce e tutela a dispetto del sincretismo religioso e della sottocultura, purtroppo imperante, di alcune esposizioni che vengono aperte proprio in questi giorni e che noi intendiamo, con questa mostra di vera arte sacra tradizionale, smascherare; l’invito è: diffidate dalle imitazioniperché non hanno Anima!>>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©