Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Successo clamoroso alla proiezione al cinema dopo 30 anni di "No Grazie, Il Caffè Mi Rende Nervoso"


Successo clamoroso alla proiezione al cinema dopo 30 anni di 'No Grazie, Il Caffè Mi Rende Nervoso'
16/10/2012, 16:50

Successo clamoroso per la festa dei primi 30 anni di No Grazie il Caffè mi Rende Nervoso che si è svolta lunedì sera al Martos Metropolitan. Ci sono vilute due sale per contenere la folla di centinaia di fans che sono accorsi nonostante l' allarme meteo Cleopatra di cui moltissimi giovani che alla prima uscita del film nelle sale non erano ancora nati. L' iniziativa fortemente voluta da Francesco Emilio Borrelli, Gianni Simioli ed il titolare del cinema Francesco Caccavale ha visto la partecipazione di tanti protagonisti dell' opera tra cui lo stesso Lello Arena, James Senese, Alfredo Cozzolino e Lucio Ciotola ( i mitici agenti Fusco e Amaniero), Rossella Carella. All' evento hanno partecipato il Sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano, il consigliere comunale di Napoli Carmine Attanasio, i giornalisti de Il Mattino Vittorio Del Tufo, Titta Fiore, Tonia Limatola e Pino Taormina ( il quotidiano dove è ambientato il film ), Fabrizio Bancale della 7, l' ex Presidente dell' Ordine dei Giornalisti Ermanno Corsi, Antonio Sergio de Il Gambrinus, Massimiliano Rosati, l' imprenditore Andrea Cannavale e la cantante Monica Sarnelli. Inoltre erano presenti i rappresentanti delle associazioni the best Naples e Napolibuona che hanno collaborato alla riuscita della serata.
Al termine della proiezione è stata offerta una mega torta dedicata al film e realizzata dal Presidente dei Pasticcieri Campani Sabatino Sirica.
Lello Arena e James Senese prima della proiezione hanno duettato di nuovo come fecero 30 anni fa nella famosa e improbabile intervista al Palapartenope.
"C' era un unico assente purtroppo - ha detto commosso Lello Arena - il grande Massimo che però è rimasto e rimarrà sempre nei nostri cuori e nella nostra vita".
"A questa iniziativa - spiegano Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli - ne seguiranno altre facenti parte del progetto salviamo la memoria di Napoli. Una iniziativa che tende a valorizzare il meglio dell' arte, della cultura, della storia, del cinema e del teatro napoletano troppo spesso dimenticato o poco valorizzato".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©