Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli, al via le garanzie nei confronti degli immigrati

Successo per il dibattito sui diritti dei consumatori

Federconsumatori e enti: "Bisogna tutelare i cittadini"

Successo per il dibattito sui diritti dei consumatori
21/03/2011, 13:03

NAPOLI - Una sala gremita di cittadini, rappresentanti istituzionali e associazioni, quella che ha accolto il dibattito organizzato dall'Assessorato allo Sviluppo del comune di Napoli e Federconsumatori Campania. La libreria EvaLuna di Piazza Bellini ha accolto con interesse il confronto sui “Diritti e tutela dei consumatori”. Il punto di partenza è stata proprio la guida, in otto lingue, che Federconsumatori Campania ha realizzato per difendere e tutelare i diritti dei consumatori migranti, spesso vittime di frodi. «Dobbiamo considerare i napoletani che vengono dalle altre realtà – ha affermato Rosario Stornaiuolo, Presidente di Federconsumatori Campania – dei consumatori di tutto il mondo. Gli immigrati del nostro paese rappresentano una fetta consistente dei consumatori ed hanno bisogno di conoscere i loro diritti e doveri. Per essere cittadini liberi – chiosa Stornaiuolo – la conoscenza è fondamentale, senza quella un immigrato non saprebbe come muoversi tra la burocrazia. Già all'Enel abbiamo imposto uno sportello per gli immigrati, al fine di evitare truffe. C'è bisogno che tutta la società – continua il presidente Stornaiuolo – affronti questi problemi. Noi consideriamo gli immigrati una risorsa per la nostra comunità – conclude Rosario Stornaiuolo – e vogliamo abbattere il razzismo che, anche in questo momento è sempre presente». Molte sono state le parole che convergono sulla linea adottata dalla Federconsumatori. Ad intervenire al dibattito pubblico anche Claudio Agrelli, fondatore di “Città di Partenope” e direttore di “Agrelli & Basta”, Lilly Bencivenga, collaboratrice della newsletter “Città e Consumi”, Daniela Castaldo, del progetto Fixo, Giuseppe Oliviero, presidente del CNA, Ruwani Perera, della comunità cingalese, Renato Tarallo, del consorzio Napoli Centro Antico, Pasquale Popolizio, vicepresidente IWA Italia, l'avv. Elisa Annamaria Daniele, della Federconsumatori, Pierre Preira, responsabile di “Mondo Intero” e il consigliere comunale Ciro Signoriello. «Noi immigrati partiamo già svantaggiati per la lingua – ha affermato Pierre Preira. Stiamo facendo informazione e siamo riusciti a far avvicinare molti immigrati agli sportelli del comune, del quale non conoscevano nemmeno l'esistenza. Molte volte siamo vittime di commercianti che tentano di truffarci, per questo è importante essere tutelati e avere gli strumenti necessari per conquistare i nostri diritti». A concludere la serata l'assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli, prof. Mario Raffa. «Sono passati circa due anni da quando il Sindaco ha voluto affidarmi la delega alla tutela del consumatore – dichiara Raffa. Il lavoro, svolto insieme ai miei collaboratori e agli uffici tecnici, è stato particolarmente intenso ma ha dato, in questo breve tempo, risultati positivi che sono sotto gli occhi di tutti e che vanno oltre la consiliatura. Occorre infatti ricordare lo sportello per la tutela del consumatore, un servizio istituito dal Comune di Napoli al fine di garantire una maggiore correttezza nella politica dei prezzi e di indirizzare i consumatori verso scelte consapevoli. Vi è poi la newsletter “Città e Consumi”, giunta al 14° numero, che dedica ampi spazi non solo ai temi della tutela dei consumatori, ma anche alle occasioni culturali ed alle attrattive turistiche della nostra città. Abbiamo messo in campo inoltre diverse iniziative , come quella di oggi, che hanno consentito e consentono di offrire, grazie ad una proficua collaborazione con le associazioni, le parti sociali e i portatori d'interesse, una migliore informazione sui servizi e sugli strumenti di tutela che enti pubblici e privati sono in grado di garantire ai consumatori italiani e stranieri. Il lavoro da svolgere è ancora tanto – conclude l'assessore – e non può che passare per lo sviluppo del Commercio, dell'Artigianato e dei Servizi della nostra città. A sostegno di questi settori portanti della nostra economia abbiamo presentato una proposta di Piano che è all'attenzione del Consiglio Comunale e contemporaneamente abbiamo attivato dei meccanismi di finanziamento e di sostegno alle imprese, grazie ai fondi provenienti dal Ministero per lo Sviluppo Economico, legge 266/97 (Bersani, ndr)». Durante la serata, inoltre, sono state esposte le fotografie di giovani fotoreporter, Viviana Annunziata, Roberta Bibbò e Davide Tartaglia, che con i loro scatti hanno immortalato i momenti della vita di un immigrato. Dal lavoro al commercio passando per le proteste. L'Incontro si è svolto nell'ambito del ciclo di iniziative “Le botteghe e le Fabbriche dello sviluppo”. Eventi in cui si propone la discussione e il confronto con i cittadini sui principali temi che possono aiutare la città di Napoli a rilanciarsi in termini di sviluppo sostenibile e di una nuova occupazione dopo la fase di deindustrializzazione di questi anni.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©