Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Singolare appello dell'ufficio cultura del comune

Sulle tracce di Ivan Pokitonov pittore ucraino di fine 800


Sulle tracce di Ivan Pokitonov pittore ucraino di fine 800
18/02/2011, 16:02

Torre del Greco-Si potrebbe chiamare caccia al tesoro quella che l’ufficio cultura del comune  di Torre del Greco sta realizzando in questi giorni per ritrovare dipinti realizzati da un pittore ucraino del fine 800 per prestarli alla città di Kiev che vuole rendere omaggio ad un suo artista. Si tratta di  Ivan Pokitonov, venuto in Italia per seguire le orme del pittore russo  Sylvestr Shchedrin nipote del  pittore paesaggistico, Semion Shchedrin;  decise poi di fermarsi in Italia per qualche tempo avendo apprezzato le bellezze della nostra nazione. Shchedrin venne in Italia nel 1818 soffermandosi anche su Napoli e rimanendo affascinato della scuola di Posillipo che si andava sviluppando in quel periodo con al seguito artisti stranieri, tra i quali Pokitonov che sulla scorta di questa dottrina svilupparono una loro tecnica.  Pokitonov fu in Italia nel 1894 giungendo anche a Torre del Greco. Qui alcune fonti vorrebbero che il pittore si sia fermato un anno, realizzando quadri paesaggistici con contaminazioni varie tra cui quella della scuola di Posillipo. E’ notizia di pochi giorni fa che l’ambasciata ucraina in occasione di un’ importante mostra internazionale di pittura abbia riscoperto questo artista, e da una serie di studi abbia anche scoperto la sua attività nella terra del corallo. L’ufficio cultura del comune dunque intende fare leva sui cittadini , in particolare collezionisti privati di opere di fine 800, che amano l’arte e che potrebbero avere tra le opere qualcuna anche dell’autore ucraino invitandoli  a renderlo noto agli uffici in questione in quanto queste opere potrebbero essere presentate alla stampa internazionale e prestate alla Patria del loro autore  ma anche realizzare una mostra in loco di un artista che è rimasto conquistato da questi luoghi senza tempo.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©