Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Per l’APA i nuovi miti sono cattivi esempi

Superman ko, gli adolescenti promuovono Iron – Man ed Xmen


Superman ko, gli adolescenti promuovono Iron – Man ed Xmen
16/08/2010, 22:08

NEW YORK – I recenti studi esposti alla convention annuale dell’American Psychological Association (APA) hanno dimostrato che per i giovani esistono solo due modelli ai quali ispirarsi, i personaggi violenti ed aggressivi oppure quelli apatici, passivi e sfuggenti le responsabilità. Non c’è più il supereroe, Superman, pronto a salvare i più deboli ed a liberarli dagli oppressori. Non c’è più il "costume blu e rosso" che trasforma il giornalista onesto ed impacciato, Clark kent, creato da Siegel e Shuster nel 1938, in un eroe generoso al servizio degli altri. Oggi Superman ed i suoi colleghi sono stati sostituiti da nuovi eroi, tutti muscoli e potenza. Secondo la psicologa Sharon Lamb, docente di salute mentale all’Università del Massachusetts, i vari Iron – Man o Xmen, violenti e maschilisti, rappresentano un pessimo esempio per i giovani adolescenti, sempre più attratti da questi campioni di bullismo. Dai risultati del suo studio, emerge che "C’è una grande differenza tra i miti moderni e quelli dei fumetti di un tempo, quello di oggi è un eroe dedito alla violenza, sarcastico e che raramente pensa ad aiutare il prossimo".
La dottoressa ha intervistato 674 giovani tra i 4 ed i 18 anni, appartenenti a varie categorie, dai manager ai commercianti dei centri commerciali, studiando accuratamente i modelli più seguiti. La psicologa ha poi ribadito: "Oggi quello che manca è la dimensione umana e la nuova generazione di eroi è fine a se stessa". Secondo quest’ultima, c’è il pericolo che i bambini seguano modelli sbagliati nella crescita e che si possano confondere perché i loro beniamini non sono uomini normali con una vita, un lavoro ed un amore.
Ci vorrebbe un nuovo Superman con una grande impresa, per convincere gli adolescenti di oggi a mettere da parte l’egoismo e l’avidità e a tornare ai cari vecchi fumetti sentimentali.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©