Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Teatro “all’ombra di Elea” con “il racconto delle pietre”


Teatro “all’ombra di Elea” con “il racconto delle pietre”
30/08/2011, 10:08

SALERNO – Proseguono gli appuntamenti organizzati nell’ambito del progetto “Il racconto delle pietre”. Dopo la danza con il New York City Ballet, la musica con i London Brass alla Certosa di Padula prima e Nicola Piovani a Ravello poi e il teatro con “I discorsi di Lisia” per la regia di Mario Prosperi e “Il dolore dell’altro”, di e con Massimo Cacciari, questo fine settimana, da giovedì 1 settembre a sabato 3 settembre, torna protagonista il teatro con gli spettacoli “All’ombra di Elea” e “Le donne del Mito”.
Il 1 e 2 settembre, alle ore 17.30 l’Area archeologica di Elea Velia farà da cornice alla rappresentazione “All’Ombra di Elea”. Testi di Francesco Puccio e AA. VV. rielaborati da Teatrocontinuo con la direzione artistica di Francesco Puccio e Gianni Bozza (ingresso libero)
Sabato 3 settembre, ore 17.30, invece, sarà la volta de “Le donne del Mito”. Testi di Francesco Puccio, regia di Teatrocontinuo con la direzione artistica di Francesco Puccio e Gianni Bozza (ingresso libero)
Teatrocontinuo è una compagnia di Teatro di Ricerca che nasce a Padova e opera ininterrottamente dal 1975. Negli anni ha sviluppato un forte interesse per la storia e il territorio, temi attraverso i quali costruisce nuove drammaturgie per i propri spettacoli, spesso arricchite col contributo di pensieri originali, frutto della collaborazione con esperti, archeologi delle soprintendenze archeologiche e con docenti delle più prestigiose università Italiane e straniere.
Le due rappresentazioni si inseriscono nel progetto “Il Racconto delle Pietre – la Provincia di Salerno tra Miti e Tradizioni”, promosso e realizzato dalla Provincia di Salerno Settore Turismo, cofinanziato dall'Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania, nell'ambito del Programma Operativo FESR 2007/2013, ob.op. 1.9. «La tua Campania cresce in Europa».
La rassegna, che continuerà fino al 23 settembre, si articola in una varietà di eventi che abbracciano la musica, il teatro, la danza e l’arte, segmenti creativi uniti da un unico filo conduttore: il racconto di una terra intrisa di storia secolare e tradizioni millenarie, qual è, appunto, il territorio salernitano. Il 1 e 2 settembre prima delle rappresentazioni teatrali gli spettatori potranno visitare il Museo Archeologico, l’area dei Templi di Paestum e la zona archeologica di Velia con partenza alle ore 11 da Salerno. Il 3 settembre, invece, sarà la volta delle Grotte di Pertosa, Roscigno vecchia e Teggiano. Partenza, alle ore 9, da Piazza Vittorio Veneto a Salerno (Stazione FS).
“Il patrimonio artistico e le eccellenze paesaggistiche e naturali del nostro territorio – spiega il presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli, - sono il fulcro degli eventi che hanno come obiettivo la valorizzazione delle risorse culturali del salernitano e la promozione delle identità locali. La Provincia di Salerno, in qualità di Ente capofila di un partenariato di più Enti, coordina il progetto con una programmazione di appuntamenti e di attività culturali mirate al potenziamento dell’offerta turistica locale del comprensorio salernitano, anche in un’ottica di destagionalizzazione”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©