Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Teatro Nazionale le Voci Bianche e l'Orchestra Giovanile dell'Opera di Roma in scena con "Brundibár"


Teatro Nazionale le Voci Bianche e l'Orchestra Giovanile dell'Opera di Roma in scena con 'Brundibár'
12/01/2013, 13:36

In occasione del Giorno della Memoria il Teatro dell’Opera di Roma dà voce ai giovani della Scuola di Canto Corale per Voci Bianche e con l’Orchestra Giovanile mette in scena, al Teatro Nazionale, l’opera per bambini Brundibár di Hans Krása, mercoledì 23 gennaio alle 19.00, giovedì 24 e venerdì 25 alle 11.00 e sabato 26 alle 18.00.

* * * *

MERCOLEDì 23 GENNAIO ALLE 19.00, AL TEATRO NAZIONALE andrà in scena Brundibár (Lo strimpellatore), opera per bambini di Hans Krása, regia di Cesare Scarton. Protagonisti assoluti della scena, oltre alla musica e all’arte, saranno i giovani tra i sei e i sedici anni del CORO PER VOCI BIANCHE del TEATRO DELL’OPERA e dell’ORCHESTRA GIOVANILE, diretti dal Maestro José María Sciutto.

L’opera scritta dal compositore ceco Hans Krása nel 1938 è andata in scena per la prima volta nel 1943 nella fortezza di Theresienstadt (in ceco Terezín, a circa 60km da Praga). Sotto il controllo delle SS dal 1941, questo ghetto-prigione vide transitare oltre 140.000 ebrei cechi, ammassati lì nel terrore di essere inclusi nei convogli che partivano periodicamente per i campi di sterminio. A puro scopo propagandistico veniva concessa l’organizzazione di attività culturali che rendessero meno insopportabile la permanenza degli ostaggi.

In questo tragico quadro trovò spazio la rappresentazione di Brundibár, di cui furono protagonisti i bambini della fortezza. La presenza nel lager di Terezín di circa 15.000 bambini è testimoniata dai circa 4.000 disegni da loro eseguiti e ritrovati nelle valigie di Friedl Dicker-Brandeis, pittrice viennese morta a Birkenau nel 1944. Deportata a Terezín nel 1942 si dedicò all’insegnamento del disegno e della pittura ai bambini, offrendo loro un mezzo di evasione e una valvola di sfogo delle loro paure e tensioni emotive.

La prima dello spettacolo, riservata alla Comunità Ebraica, andrà in scena mercoledì 23 alle ore 19.00. Giovedì 24 e venerdì 25 gennaio alle 11.00 ci saranno invece le repliche dedicate alle scuole. Ultima replica sabato 26 gennaio ore 18.00 aperta al pubblico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©