Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Buon risultato di pubblico, il messaggio è arrivato

Termina il Caserta Force One, si tirano le somme


Termina il Caserta Force One, si tirano le somme
20/09/2010, 17:09

CASERTA - Si è conclusa la prima edizione del Caserta Force One che ha visto come headliner i torinesi Motel Connection. Il Campo di Rugby di Santa Maria Capua Vetere ha accolto le oltre 1.300 persone giunte da varie zone della Campania, e non solo, per assistere ad una delle date più attese del settembre casertano. Un palco di tutto rispetto, illuminato a neon, è stato al centro dell'attenzione di un'intera folla per circa un'ora e mezza di spettacolo continuo (eccezion fatta per un brevissima pausa) durante il quale la band non si è risparmiata in nessun modo.

Numerosi apprezzamenti, inoltre, per l'ottima gestione di luci e audio: un soundcheck a regola d'arte, unito ad un eccezionale impianto, ha fatto si che lo spettacolo potesse essere goduto anche ad una buona distanza dalle casse. Pulizia del suono, dunque, ma anche sudore e urla: ed il feedback da parte dei presenti è risultato essere ottimale. Sotto la direzione artistica di Maurizio Affuso, questa prima edizione del Caserta Force One, rappresenta probabilmente il punto di partenza di quella che potrebbe essere (e si spera sarà) una lunga, lunghissima, serie di eventi musicali finalizzati, tra le altre cose, anche alla rinascita economia e culturale di una zona troppo spesso lasciata al suo destino. Grazie al fondamentale supporto di Luigi Pezzera, produttore dell'evento, l'onda della live music continuerà anche al Moma Lounge Bar di via Caduti di Nassirya, per una nuova stagione di appuntamenti dal vivo.

L'apertura dello spettacolo è stata affidata ai Droword e ai Deus X Makina, vincitori dei due contest legati a doppio nodo con questa edizione del Caserta Force One: il Caserta Rock City (tenutosi nell'arco di 5 mesi nel capoluogo di provincia campano) e del PummaRock Contest di S. Antonio Abate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©