Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Il nuovi film della mitica saga

Terminator Salvation



Terminator Salvation
09/06/2009, 15:06

Ad occuparsi di questo quarto titolo, tentando di risollevare il buon nome di quella che può considerarsi una delle saghe storiche del cinema contemporaneo, è il talentuoso regista Joseph McGinty Nichol (Mcg). Un'esperienza costruita intorno ai videoclip e alle pubblicità permette a MgN di partorire un pop-corn movie sicuramente non disprezzabile; anche se "esagerato" e "frettoloso" in più d'una scena. Christian Bale (Jonh Connor) e Sam Worthington (Marcus Wright), riescono infatti a conferire alla pellicola quella pienezza che, i virtuosismi spesso gratuiti dei registi Hollywoodiani, non possono garantire da soli. Coinvolgente e convincente anche la fotografia, rugginosa e plumbea come l'ambientazione da olocausto nucleare richiede. Abbastanza "ordinata" la trama, anche se poco convincente in alcune sfumature. Per il resto, come già detto, il film trascorre bastevolmente liscio e avvincente tra effetti speciali di prima qualità e "action scene" al limite del verosimile. La principale novità rispetto ai precedenti titoli, sta proprio nel fatto che, il film di Mcg, ci porta direttamente all'interno di quell'epica battaglia tra uomini e macchine che, nei tre episodi precedenti, è solo vista come fascinosa (e apocalittica) previsione futura. Un dietro le quinte che, se da un lato permette di guardare da vicino ciò che, fino ad oggi, i fan della saga, hanno solo potuto fervidamente immaginare, dall'altro, proprio a causa di questa "pornografia tecnologica", fa perdere al concetto stesso di Terminator quel po' di indiscutibile fascino che, solo lasciando spazio alla capacità immaginifica, si riesce a preservare intatto. In definitiva un titolo godibile che introduce in maniera comunque non banale un sicuro sequel..."Abbiamo vinto una battaglia ma, la guerra tra uomini e macchine", continua. Su questa frase del capitano John Connor termina infatti la pellicola e...per il resto bisogna aspettare!

Voto 7--

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©