Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Ferrovie più sicure contro i sismi. Grazie all’early warning

Terremoti, nasce Reakt: ferma i treni prima delle onde forti


Terremoti, nasce Reakt: ferma i treni prima delle onde forti
16/09/2011, 13:09

NAPOLI - Ferrovie più sicure contro i terremoti grazie all’early warning, il sistema di allerta sismica, che può bloccare in automatico un treno una manciata di secondi prima dell’arrivo delle onde distruttive di un terremoto. È questo uno degli scopi di REAKT (Strategies and tools for Real time EArthquake RisK reducTion), progetto europeo dedicato al miglioramento dell’efficienza dei metodi di mitigazione del rischio sismico e della loro applicabilità a strutture, infrastrutture e persone, che partirà ufficialmente con il Kick-off meeting del 20-22 settembre a Napoli, presso l’Hotel Royal di via partenope.
Nell’ambito della Commissione Europea, REAKT è stato definito come uno dei più ambiziosi progetti di ricerca sulla riduzione del rischi naturali in Europa nell’ambito del VII Programma Quadro e ha ricevuto circa 7 milioni euro di finanziamento. Il progetto, della durata di 36 mesi, è guidato dall’Amra (Analisi e Monitoraggio Rischio Ambientale Scarl) e riunisce 23 partner scientifici europei, provenienti da 15 paesi. “L’early warning è un sistema di allerta sismica precoce che viene lanciata non appena vengono registrate le onde di un terremoto, che in genere hanno un’ampiezza molto bassa e non producono danni. A volte quindi è possibile essere avvisati con decine di secondi, e a volte minuti, di anticipo sull’arrivo delle onde distruttive. Un vantaggio non da poco che offre la possibilità di porre in essere alcune procedure di mitigazione del rischio che a volte risultano decisive” ha spiegato al riguardo il geofisico Paolo Gasparini, coordinatore del progetto REAKT e Presidente del centro di competenza Amra.
Sistemi di “early warning” sono applicati finora intensivamente solo in Giappone e hanno contenuto sensibilmente, per esempio, i danni del recente terremoto che ha colpito la costa orientale dell’isola di Hon-shu. In Europa, proprio l’Italia, e in particolare Napoli, costituisce il principale polo degli studi in questo settore.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©