Cultura e tempo libero / Happy hour

Commenta Stampa

La diffusione delle pseudoscienze

Test di personalità ed effetto Forer


Test di personalità ed effetto Forer
08/07/2010, 09:07

Chi ha l’abitudine di leggere gli oroscopi o i risultati di un profilo psicologico è convinto che ciò che legge corrisponde esattamente alla sua personalità. Cade nella rete delle frasi generiche che, come un tessuto elastico, si adattano ad ogni forma e volume di un corpo. Forse è il bisogno di prendere coscienza delle potenzialità inespresse o semplicemente di credere nel soprannaturale che fa nascere l’interesse, in un numero sempre maggiore di  persone, di rivolgersi a pseudo maghi indovini che spesso si prendono troppo sul serio e ad astrologi dall’evidente carenza di studi su base scientifica.
Ogni individuo ha in sé una dualità fra ciò che è e ciò che vorrebbe essere, costretto a scegliere tra le possibilità concrete e le aspirazioni agognate. Questo effetto che ricade sulle persone si chiama effetto Forer, chiamato anche effetto di convalida soggettiva o effetto Barnum, dal nome di Phineas Taylor Barnum, noto imprenditore, circense e mistificatore americano.
 
Nel 1948, lo psicologo Bertram R. Forer consegnò un test di personalità ai suoi allievi. Al termine fornì a ciascuno di loro un'analisi della personalità quale risultato del test effettuato.
In seguito egli invitò ognuno degli studenti a dare un giudizio, su una scala da 0 (molto scarso) a 5 (eccellente), al profilo fornito sulla base di quanto questo risultato si adattasse a loro stessi. La media fu di 4,26. Solo al termine Bertram Forer rivelò agli studenti che era stato consegnato a tutti lo stesso profilo psicologico che così recitava:
« Hai molto bisogno che gli altri ti apprezzino e ti stimino, eppure hai una tendenza ad essere critico nei confronti di te stesso. Pur avendo alcune debolezze nel carattere, sei generalmente in grado di porvi rimedio. Hai molte capacità inutilizzate che non hai volto a tuo vantaggio. Disciplinato e controllato all'esterno, tendi ad essere preoccupato ed insicuro dentro di te. A volte dubiti seriamente di aver preso la giusta decisione o di aver fatto la cosa giusta. Preferisci una certa dose di cambiamento e varietà e ti senti insoddisfatto se obbligato a restrizioni e limitazioni. Ti vanti di essere indipendente nelle tue idee e di non accettare le opinioni degli altri senza una prova che ti soddisfi. Ma hai scoperto che è imprudente essere troppo sinceri nel rivelarsi agli altri. A volte sei estroverso, affabile, socievole, mentre altre volte sei introverso, diffidente e riservato. Alcune delle tue aspirazioni tendono ad essere davvero irrealistiche. »
Sono frasi che, mentre rivelano un lato del carattere, contengono già il suo esatto contrario. Un passatempo estivo, quindi, che non ha alcun valore scientifico.

Nella foto: Bertram R. Forer.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©