Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

L'attrice inaugura la Rassegna "Presente Indicativo"

Tina Femiano al Theatre de Poche con "Amori criminali"


Tina Femiano al Theatre de Poche con 'Amori criminali'
12/04/2011, 20:04

Parte domani sera al “Teatro de Poche” con Tina Femiano ed il lavoro “Amori criminali”, la sesta edizione di “Presente Indicativo” la rassegna teatrale diretta dalla stessa attrice con l’autore Mario Gelardi. “Ed è così che grazie alla collaborazione ed all’appoggio dello storicizzato spazio di via Salvatore Tommasi- come afferma Gelardi- la rassegna, dopo cinque anni di sacrifici, intende essere il nostro modo di rispondere all’incultura, all’immobilismo ed il nostro appello a non tirare i remi in barca, ma mettersi a remare ancora più forte, pronti ad arrivare da qualche parte, comunque. Nonostante tutto. Nonostante tutti”. Presentato da “Altamarea”, domani e giovedì alle ore 21.00, al de Poche, grazie all’adattamento ed alla regia di Carmen Femiano, l’autorevole e blasonata signora del teatro italiano Tina Femiano porterà in palcoscenico un recital dedicato ad alcuni autori della scena contemporanea come Santanelli, Carlotto, Cavosi ed ancora come Patrizia Rinaldi ed il giovanissimo Ciro Marino. “Il “fil rouge”, o “noir” che si voglia,- afferma la regista- è la rappresentazione dei momenti in cui l’amore produce morte. La morte di chi muore e la morte di chi resta. In un crescendo di emozioni e spiazzamenti, Tina Femiano dona corpo e voce alla madre criminale,  la madre del criminale, la madre al cui  amore il crimine ha strappato suo figlio… Donne e Amore. Donne e Crimini. Amori Criminali”. Sempre a proposito del lavoro- ha affermato l’interprete Tina Femiano-  “si tratta di un recital che mi sta molto a cuore, perchè ogni parte dei monologhi che andrò a recitare, mi fa rivivere tutte le emozioni, la stanchezza, il panico e la felicità, dei periodi in cui ho portato in scena quegli spettacoli.  Perciò voglio  godermelo al massimo, insieme al mio pubblico”.

                                                                                                              

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta Stampa
di g.g.
Riproduzione riservata ©