Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Torna a Napoli dal 5 al 7 ottobre l’appuntamento autunnale conla “ Racefor the Cure


Torna a Napoli dal 5 al 7 ottobre l’appuntamento autunnale conla “ Racefor the Cure
05/10/2012, 09:26

Dopo il successo dello scorso anno, torna a Napoli dal 5 al 7 ottobre l’appuntamento autunnale conla “ Racefor the Cure: tre giorni di Salute, Sport e Benessere” nella sua terza edizione. Grazie all’impegno e agli sforzi congiunti del Presidente regionale Komen Tommaso Mandato e della dott. ssa Annamaria Colao, coordinatore scientifico della manifestazione, anche quest’anno sarà offerta ai partecipanti, dietro il versamento di un contributo minimo, la possibilità di usufruire di visite mediche e screening gratuiti, oltre che a una serie di eventi e iniziative che culmineranno nella maratona di domenica 7 ottobre. Obiettivo la lotta ai tumori al seno: il ricavato sarà destinato a promuovere la diagnosi precoce, il benessere psico-fisico delle donne operate e l’acquisto di nuove apparecchiature di diagnosi. Ma non è tutto: la lotta ai tumori passa anche per l’arte e per il messaggio di ottimismo che essa può trasmettere. Nell’ambito della manifestazione, nella serata di venerdì si esibiranno in anteprima il coreografo- danzatore Bruno Valentino Perillo ela danzatrice Simona Buccolieriche presenteranno “Attimi”, sulle musiche di Bach e Vivaldi. Non solo danza ma anche arte figurativa: il celebre scultore-designer Michele Iodice esporrà una sua installazione per l’occasione. Il tutto sotto la direzione artistica di Sabina Pecorella che ha voluto e promosso l’evento, ben consapevole della sua portata. Bruno Valentino Perillo è un ballerino di fama internazionale nonché il presidente della RED International Performing Arts, l’Associazione che dal 2009 si occupa di promuovere la Ricerca, l’Educazione ela Danza. Dasempre, sia come ballerino che come coreografo, ricerca un linguaggio trasversale perché, come dichiara egli stesso: “ L’importante è proiettarsi oltre oceano, offrire nuovi input, stimoli che attraverso la forza della danza possono dare nuovi slanci, scambi e creare ponti nel mondo lavorativo professionale” . Ma non è tutto: la portata dell’evento non sta solo nel talento dei protagonisti. Il caso ha voluto chela danzatrice Simona Buccolierisia stata in passato affetta da tumore al seno. ia questa esperienza, da cui è uscita vittoriosa, la ballerina conserva un ricordo molto forte e adesso, in occasione della Komen è pronta a portare sul palco il suo messaggio di speranza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©