Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

TORNA A NAPOLI LA VOCE DI EDUARDO DE CRESCENZO


TORNA A NAPOLI LA VOCE DI EDUARDO DE CRESCENZO
25/07/2008, 16:07

 

Il concerto-evento del cantautore Eduardo De Crescenzo, organizzato dall’Amministrazione provinciale nell’ambito della manifestazione Flegreinarte 2008, è stato presentato oggi, nella sala “Mariella Cirillo” della Provincia di Napoli,.
Il concerto si svolgerà martedì 29 luglio, alle ore 21, presso l’Arena Flegrea di Napoli.
Nel corso del concerto, De Crescenzo ripercorrerà la sua intera parabola artistica, proponendo i suoi grandi successi e tanti altri brani amatissimi dal pubblico. Ad accompagnare l’artista, una band composta da Alberto D’Anna alla batteria, Gigi De Rienzo al basso, Franco Giacoia alle chitarre, Stefano Sabatini al pianoforte, Pasquale Faggiano alle tastiere, Daniele Baione al violino, con i cori di Marilisa Amelino, Mimmo De Cristofaro e Francesco Maraniello. Con loro, sul palco ci saranno anche il Coro di Carlo Morelli (direttore dei Cameristi del Teatro San Carlo) e un quartetto d’archi di studenti del Conservatorio San Pietro a Majella.
Anche quest’anno, dopo il “tutto esaurito” di settembre 2006, la Provincia di Napoli propone un evento di qualità a un prezzo estremamente contenuto, in modo da permettere a quanti più appassionati possibile di potervi assistere. E, anche grazie al prezzo d’ingresso ridotto a soli 10 euro, i biglietti per il concerto sono già andati esauriti anche stavolta.
“L’atteso concerto di Eduardo de Crescenzo – ha sottolineato Dino Di Palma, presidente della Provincia di Napoli, nel corso della presentazione odierna – rappresenta un ulteriore, significativo tassello del nostro progetto culturale, che vuole abbinare intrattenimento di qualità e voglia di coinvolgere quanti più appassionati possibile grazie ai prezzi contenuti. Un progetto, il nostro, che continuiamo a proporre con impegno e coerenza, nonostante la congiuntura poco favorevole, consapevoli dell’importanza della cultura per la crescita del nostro territorio”.
“Le mie canzoni – ha spiegato Eduardo De Crescenzo – sono le persone che incontro ogni giorno. A volte sono sole, a volte innamorate, a volte in difficoltà, a volte impegnate a dare un senso al proprio cammino. Se mi allontano troppo da loro non riesco più a sentire la mia musica”.
Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©