Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Concerto al Circolo Professionisti

Torre Annunziata. Espedito De Marino, "Dal Vesuvio all'Andalucia"


Torre Annunziata. Espedito De Marino, 'Dal Vesuvio all'Andalucia'
15/04/2011, 07:04

Sabato 9 Aprile 2011 alle ore 20.00 il maestro Espedito De Marino, accompagnato dai maestri Eugenio Giordano ed Enzo Marcellini, si è esibito in un Concerto presso il Circolo dei Professionisti di Torre Annunziata.
L’Evento “Dal Vesuvio all’Andalucia” ripercorre le tappe più significative dei sedici anni vissuti da Espedito De Marino al fianco del grande chansonnier Roberto Murolo (dal 1987 al 2003).
De Marino ha alternato al “Pentagramma napoletano” pezzi virtuosi di chitarra mediterranea con arrangiamenti originali e contaminazioni geniali. L’abilità e la creatività hanno decretato il successo di Espedito tanto da essere considerato un virtuosista del genere al pari di Paco Pena e Paco De Lucia, oltre che di Renato Carosone e della musica gitana.   
La direzione artistica del concerto è stata curata da Angelo Ruggieri.
Diplomato in chitarra classica con il massimo dei voti al Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino nel 1985, Espedito De Marino ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali di chitarra, classificandosi sempre fra i primi tre, e vincendo il concorso di Ancona nel 1982.
 
E’ direttore artistico di enti privati e di Stato, è ideatore e direttore del Premio Internazionale “Giovanni Paolo II” (dal 2005), dal 1989 dirige “Le Pastorali di Natale”, dal 1996 il “Miserere Nobis”, dal 2005 “Preghiere in musica” e altre svariate manifestazioni artistico-culturali.
 
Dal 1989 si occupa di impresa e di associazionismo nei settori dello spettacolo – della cultura – dell’arte – del turismo – della formazione. Presiede l’Associazione socio culturale ad indirizzo artistico “AGLAIA” ed il Movimento di Azione politica “Continente Uomo”. E’ attualmente Consigliere Comunale di Scafati.
 
Due incontri hanno caratterizzato la sua preminente attività artistica.
Per la musica classica è stato molto importante l’incontro con la violoncellista Mistlav Rostropovich, per la canzone napoletana decisivo per la sua carriera è stato l’incontro con Roberto Murolo (al suo fianco dal 1987 al 2003).
 
Il 7 novembre 1999 l’infaticabile De Marino ha creato con Roberto Murolo, Aurelio Fierro, Bruno Venturini, Sergio Bruni, Mario Maglione ed altri a Scafati la “Scuola della Canzone Napoletana Roberto Murolo, Città di Scafati”- unica nel suo genere, voluta ed inaugurata dallo stesso Murolo.
Con decreto n° 40 del 30 luglio 2010 del Sindaco del Comune di Scafati è stato nominato, in qualità di esperto in beni ed attività culturali, componente del Comitato Scientifico del Real Polverificio Borbonico di Scafati.
Il 6 maggio 2007 è stato insignito del titolo di "Fratello Maggiore" dell'ordine "Mercedario" (fondatore S. Pietro Nolasco, ispirato a Maria Santissima della Mercede)
Il 15 ottobre 2007 è stato insignito dalla Nobile Accademia Carolingia (fondata nell'anno 781) del titolo di "Accademico di merito - classe Lettere e Belle Arti" in considerazione dei suoi servigi resi alla cultura ed alla società.
Il 14 novembre 2007 è stato insignito dalla Sovrana Casa di Heristal del titolo di Barone del Sacro Romano Impero.
Espedito De Marino è stato ospite di molte trasmissioni televisive RAI e MEDIASET, fra cui: Domenica in, Mezzanotte e dintorni, Cronaca in diretta, Uno mattina, Utile futile, Tg2 dossier, Video sapere, Napoli prima e dopo, Bravissima, Ciao week-end, Tappeto volante, Verissimo, Fuego, La vita in diretta, Maurizio Costanzo Show, Bellezze italiane.
E’ stato premiato in Italia, Tunisia, Londra, Francoforte, Caracas, Sydney, Marburg, Zurigo, Bucarest, Varsavia, Cracovia, Lisbona, Valona, Tirana, Alicante, Haifa, Gerusalemme, Tel Aviv, Guatemala, Tczew.
 
Il 28 Marzo 2007, in occasione del ventennale della sua carriera (1987/2007) è stato ricevuto in Vaticano dal Santo Padre Papa Benedetto XVI.
Espedito De Marino è indubbiamente un modello per le giovani generazioni che lo amano e lo seguono nei suoi innumerevoli impegni culturali, politici e sociali.
 

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©