Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Divertente poesia in vernacolo.

Torre del Greco - "Crudo e mangiato" di Giovanni D'Amiano


Torre del Greco - 'Crudo e mangiato' di Giovanni D'Amiano
13/12/2010, 08:12

In occasione dell’uscita del libro “Crudo e mangiato”, della casa editrice Newton Compton, una raccolta di ricette personalizzate dal giornalista Sandro Masci, il medico poeta Giovanni D’Amiano ha scritto una poesia in vernacolo davvero gustosa e divertente.
Gli alimenti crudi sono una grande riserva di vitalità, perché ricchi di vitamine, sali minerali, enzimi ed oligoelementi. Purtroppo queste proprietà si perdono in larga misura durante la cottura. Ed ecco che Giovanni D’Amiano invita a mangiar crudo perché subito dopo ritorna l’energia e la vitalità di far l’amore con la propria amata.
Cruro e mmangiato
Chi vo sentì ‘o sapore de’ sapure,/’e ccose bbone s’ha dda mangià cure,/ cu ppoco pepe, poc’uoglio e ppoco sale;/ ‘e vverace e ffresche, appena còvete,/ comm’esceno da’ terra, tale e qquale./ Si frische ‘e terra, pure nu cetrulo/na cucozza, na laccia, ‘a pastenaca,/ nu fenucchio, ‘a vurraccia, na scarola/ cacciano nu sapore ca ‘mbriaca,/ nu gusto sapurito ca cunsola./ Si, ‘nvece, na piatanza è carna cotta/ ca sape sulo ‘e sale e ssulo ‘e pepe;/ si na ‘nzalata è impurpata d’uoglio e acito/ tutto ‘o sapore resta ‘mbriacato,/ tutta ‘a freschezza resta infrancesata,/ nasce ‘o suspetto ch’è rrobba “apparecchiata”,/ rrobba stantia, sulo arresuscitata/ ‘a tanto cunnimento: na imprusata./
‘A stessa mprusatura je suspette/ si ‘na femmena è bbona mpupazzata;/ nun saccio overo maje che m’aspetta,/ quanno m’’a trovo annura dinte ‘o lietto,/ appena ca se sceta, e ssenza trucco:/ na strega ‘e Bbeneviento, una vutata,/ e je ce resto comme ‘a mmammalucco,/ smalericenno ca m’a so’ spusata./
Spusammoce a ‘na femmena verace,/ ‘na figliola comme l’ha fatta ‘a mamma, /a ll’acqua ‘e rosa, senza trucco ‘nfaccia,/ fresca e cchiara comme’a serena ‘e luna,/ ca si è bbella è ‘a matina ca se sceta,/ e ccu ll’uocchie nnucente e cchella vocca/ ce mette dinte ’e vvene famma e ssete./ Mangiammoncella crua ‘n apiatanza,/ si ‘nvece vulimmo dà cunzuolo ‘a panza;/ si appriparammo fresca ‘na ‘nzalata/poc’uoglio, poco sale e ppoco acito,/ n’addore ‘e laccia, na pummarulella,/ ‘na ‘ncappucciata còveta e sfrunnata, /nu fenocchio, tre quatte rafani elle, /n’uosemo appena d’erva pucchiacchella,/ facimmo na piatanza prelibata, /gustammo avero ‘o rre d’ogni ssapore;/ ma, ‘a cosa bbella è cca, dopo mangiato,/ stammo ggià frische e lliegge pe’ … ffa’ ‘ammore….  

Nella foto: Giovanni D'amiano e la moglie Marisa.
 

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©