Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Successo di pubblico e di critica al Circolo sociale Mazza.

Torre del Greco: Antonio Solvino vince il premio "I fiori del mare"


Torre del Greco: Antonio Solvino vince il premio 'I fiori del mare'
13/07/2010, 09:07

      Al pittore Antonio Solvino è stato conferito il premio “I fiori del mare” a conclusione dell’omonima rassegna pittorica promossa ed organizzata dal Circolo Sociale “Guido Mazza” di Torre del Greco.
      La commissione giudicatrice, presieduta dal prof. Nino D’Antonio e composta dai pittori Ferdinando Ambrosino, Salvatore Ciaurro e Gigi Madonna, dal presidente del sodalizio Pasquale Sannino, assistiti dal giornalista Giuseppe Sbarra con funzioni di segretario, con voto unanime, ha premiato Solvino esprimendo così la propria motivazione: “l’opera che meglio rende il paesaggio torrese nei suoi caratteri più significativi” e “per aver proposto una lettura suggestiva ed intensa del paesaggio torrese”.
      La cerimonia di premiazione si è svolta nella serata dell’8 luglio scorso presso i locali del Circolo in Corso Vittorio Emanuele, alla presenza di un folto pubblico tra artisti ed appassionati di arte pittorica.
      Pasquale Sannino, presidente del Circolo Sociale, ha evidenziato come questa iniziativa, che ha ottenuto lusinghieri consensi dalla Città, abbia potuto realizzarsi grazie al sostegno del Cavaliere del Lavoro Grazia Bottiglieri Rizzo, presidente del gruppo armatoriale RBD S.p.A.. Il presidente ha, poi, ringraziato tutti coloro che hanno contribuito, per le diverse competenze, al buon esito della manifestazione, ricordando Gigi Madonna, Giuseppe Sbarra, Emilio Pinto, l’Amministrazione Comunale e la Banca di Credito Popolare.
      “I fiori del mare non deve essere ritenuta una competizione tra gli artisti, ha detto Sannino, ma piuttosto il contributo di ognuno alla costruzione di un impianto culturale per la Città”.
      Sono poi intervenuti il giornalista Giuseppe Sbarra e il professore Madonna. Sbarra ha evidenziato come questa iniziativa possa essere considerata una sfida per Torre del Greco, che sembra essersi appisolata culturalmente pur contando, tra la sua popolazione, non poche autorevoli espressioni nei diversi campi del sapere. E’ giunta l’ora di riboccarsi le maniche e far emergere quella tradizione culturale che, oggi, appare latente a motivo di una profonda sfiducia negli organismi istituzionali preposti.
      Madonna ha spiegato le tecniche utilizzate dai 19 artisti presenti all’esposizione, ricordando che i maestri Ciro Adrian Ciavolino e Salvatore Flavio Raiola hanno contribuito con una loro opera fuori concorso. 
       A tutti i partecipanti, Luciano Bracale, Ciro Adrian Ciavolino, Vincenzo Ciliberto, Nicola Consiglio, Vito Esposito, Giacomo Fiorentino, Antonio Froncillo, Donato Frulio, Franceco Iuliano, Vincenzo Matrone, Ciro Palladino, Raffaele Panariello, Salvatore Flavio Raiola, Filippo Romito, Maria Scognamiglio, Luigi Seme, Salvatore Seme, Antonio Solvino e Raffaella Vitiello,  è stato distribuito un Attestato di partecipazione al Premio “I fiori del mare” consegnato ad ognuno degli artisti dal dottor Mario Spagnuolo, socio del Circolo Mazza.
       I pittori Giacomo Fiorentino, Ciro Palladino e Raffaella Vitiello hanno ricevuto una Citazione al merito perché hanno realizzato “opere particolarmente originali per soluzione ed inventiva”. Il maestro Fiorentino “per la rappresentazione viva e cromaticamente forte di un’immagine del territorio”; il maestro Palladino “per l’originalità e la raffinatezza dell’opera che riporta, in chiave emblematica, gli aspetti più salienti del territorio”; la pittrice Raffaella Vitiello “per la sapiente costruzione a tasselli di un’immagine di Torre del Greco, al di là di ogni oleografia”.  
       Il Premio alla carriera è stato conferito al novantaduenne professor Giuseppe Ciavolino. Lo ha consegnato Liborio Sorrentino, già presidente del Circolo Mazza. Ciavolino ha dedicato la sua vita all’arte dell’incisione e della cultura profondendo genialità e raffinatezza. Ha infuso fascino alla sua pittura incanalandola nel più ampio contesto culturale europeo. Ha esaltato le vocazioni culturali di Torre del Greco con professionalità ed estro ponendo queste ultime al servizio delle giovani generazioni in quarant’anni di attività didattica, prima come docente e poi come dirigente dell’Istituto Statale d’Arte della sua Città.
     Il Premio alla memoria, consegnato dal vice-presidente del Sodalizio Gennaro Borriello, è stato conferito al compianto maestro Antonio Madonna. Un artista che con intensità ha contribuito a diffondere nel mondo l’immagine di Torre del Greco che, attraverso le tonalità cromatiche della sua pittura, sapientemente poste sulla tela, così come un poeta descrive con i versi rimati la sua esperienza,   ha evocato i luoghi e le scene del suo popolo, immortalando sì, il suo vissuto, ma anche quella memoria storica collettiva di un passato recente. L’ampia gamma artistica del maestro Madonna, lo ha visto quale protagonista assurgere agli onori nazionali, inserendosi nelle avanguardie e nei movimenti pittorici che hanno distinto il fermento artistico dell’Italia post-bellica.
     Un premio che avrebbe dovuto attribuirsi alla carriera del Maestro, di questo decano dell’Arte, si è, purtroppo, trasformato in commemorativo “ma - come esprime testualmente la motivazione - noi sentiamo Antonio Madonna presente con lo spirito, presente attraverso le sue opere, nel suo mare, nei suoi tramonti”.
     Le motivazioni sono state tutte lette da Eva Cortigiani.
     In conclusione della serata, il professore Gigi Madonna richiama l’attenzione dei convenuti. Il maestro Antonio Solvino, assegnatario del Premio “I fiori del mare”, dona al Circolo Sociale “Guido Mazza” l’ Opera premiata.
   L’appuntamento è al prossimo anno.


Nella foto: Antonio Solvino e Pasquale Sannino.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©