Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

I fermenti artistici di Torre del Greco.

Torre del Greco: Inaugurazione della mostra pittorica "I fiori del mare" al Circolo Sociale Guido Mazza


Torre del Greco: Inaugurazione della mostra pittorica 'I fiori del mare' al Circolo Sociale Guido Mazza
28/06/2010, 09:06

 
 
        Il Circolo Sociale “Guido Mazza” di Torre del Greco ha inaugurato il 25 giugno scorso il premio di pittura “I fiori del mare”. All’apertura della sala d’esposizione delle opere pittoriche di 20 artisti, tra affermati maestri e giovani promesse, un folto pubblico si è riversato nei locali del Sodalizio per ammirare l’estro che sostanzia per tradizione l’arte della Pittura corallina.
        Torre del Greco, con la pregevole iniziativa del Circolo Sociale, il più antico sodalizio della Città, ritorna ad affacciarsi alla finestra dell’erudizione con quella tenacia e quella forte volontà di mutamento che la fa emergere dall’assordante silenzio culturale di questi anni.
        Un premio, “I fiori del mare”, per evocare quelle vocazioni che sono proprie della Città del Corallo. Una rassegna di opere pittoriche intesa ad immortalare, attraverso la lettura accorta della luce, all’accostamento cromatico più eloquente della realtà, al tratteggiamento elegante e conforme all’immagine, la Torre del Greco come territorio fisico, come autoctona antropologia, architettura di settecentesca memoria, volti e sguardi di vesuviana bellezza e ramificazioni di oro rosso, compendio naturale di arte e lavoro di secoli di storia.
        Un felice momento di spumeggiante estro corallino voluto fortemente dal neo presidente del Circolo Mazza, Pasquale Sannino. E’ il passaggio doveroso da un’aggregazione sociale intesa quale tempo di relax quotidiano all’impegno per l’approfondimento culturale e di rilancio della Città.
        Una manifestazione resa possibile soltanto grazie alla non comune generosità di una delle più importanti personalità del mondo imprenditoriale di Torre del Greco: il Cavaliere del Lavoro, la signora Grazia Bottiglieri Rizzo. Una donna, dall’intraprendente carattere, che ha sostanziato la sua esistenza guidando la “RBD” Rizzo-Bottiglieri-De Carlini Armatori S.p.A. e profondendo costante impegno in iniziative culturali di rilievo internazionale.
        “Molti hanno abbandonato questi luoghi, dice Grazia Bottiglieri, io sono rimasta a Torre del Greco, perché credo in questo territorio. Certo, è più facile lavorare a Milano ma, qui c’è da lavorare e sono sicura che prima o poi ci sarà una svolta. Sono contenta di questa iniziativa intrapresa dal Circolo “Mazza” e per l’impegno del suo presidente Pasquale Sannino. Spero che tali manifestazioni possano lievitare in futuro”.
         Le opere esposte sono state realizzate da Luciano Bracale, Ciro Adrian Ciavolino, Vincenzo Ciliberto, Nicola Consiglio, Vito Esposito, Giacomo Fiorentino, Antonio Froncillo, Donato Frulio, Vincenzo Matrone, Ciro Palladino, Raffaele Panariello, Salvatore Flavio Raiola, Filippo Romito, Maria Scognamiglio, Luigi Seme, Salvatore Seme, Antonio Solvino e Raffaella Vitiello.
          Il premio, rappresentato da una scultura d’argento dorato e rodiato con inserti di corallo e topazi su base di agata nevata, è stato forgiato dalle mani di Francesco Battiloro, maestro incontrastato dell’arte corallo-orafa.
          La direzione artistica è stata affidata a Gigi Madonna.
           Il Vernissage può essere definito un insieme del bello tra arte sostanziale e sensibilità di inusitata profondità che può essere visitato fino al prossimo 8 luglio.
 
Nella foto: Pasquale Sannino, Grazia Bottiglieri Rizzo e Francesco Battiloro.

Commenta Stampa
di Rossella Saluzzo
Riproduzione riservata ©